menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Confesercenti incontra i consiglieri regionali Bertani (M5S) e Montalti (Pd): "Le vendite online minacciano i piccoli esercenti"

Al centro dell’appuntamento le politiche regionali su commercio e turismo, infrastrutture, sicurezza

Nei giorni scorsi si è svolto l’incontro fra la presidenza della Confesercenti Cesenate ed i Consiglieri regionali del territorio, Andrea Bertani (M5S) e Lia Montalti (Pd). Al centro dell’appuntamento le politiche regionali su commercio e turismo, infrastrutture, sicurezza. Nell’introduzione del presidente Cesare Soldati e nelle numerose sollecitazioni dei presenti è stato ricordato come "il commercio non alimentare non sia affatto fuori dalla crisi".

"Dopo l’avvento della grande distribuzione organizzata, il più grande competitor per i piccoli negozi sono le vendite on line - è stato sottolineato -. Oggi gli acquisti si fanno da casa con il computer o mentre si passeggia con il telefono cellulare, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Le vendite online cresceranno esponenzialmente nei prossimi anni e per riuscire a reggere le difficoltà di un mercato molto concorrenziale e con margini di guadagno nella vendita fortemente ridotti rispetto al passato, per i negozi “autonomi” (non franchising) saranno indispensabili due elementi: affiancare la vendita online a quella tradizionale e puntare fortemente su qualità, ricercatezza dei prodotti e cortesia. Valutazioni molto diverse per il commercio alimentare e soprattutto per bar e ristoranti".

"La concorrenzialità è già elevata per cui si nota da tempo un turn over elevato con molte imprese che non riescono a reggere il mercato - è stato osservato -. Ma il settore continuerà ad aumentare l’offerta così come cresceranno i volumi complessivi di fatturato. Capita sempre più frequentemente vedere l’apertura di un bar o ristorante dove prima c’era un negozio. Gli aspetti positivi di questa mutazione sono la vivacità che il settore porta nei centri storici ed anche nelle zone periferiche ed il fatto che la sfida sia quasi sempre ad opera di imprenditori locali. Ma anche questo è un cambiamento e la conseguenza è che le città diventano più frequentate in relazione a consumi del settore enogastronomico mentre diminuiscono quelli del commercio tradizionale. Capita più spesso, quindi, di fare un giro per un aperitivo o un pasto e meno per lo shopping".

Nella relazione è stato evidenziato inoltre come "i dati delle presenze turistiche hanno consegnato un ottimo 2017 ma restano da risolvere tutti i problemi infrastrutturali: condizioni della E45, nodo autostradale, sistema aeroportuale non definito, snodi ferroviari insufficienti. Bertani e la Montalti hanno ascoltato attentamente e ringraziato per le molteplici istanze rappresentate dagli imprenditori, esprimendo le loro distinte valutazioni. Su alcuni aspetti si sono registrate convergenze come, ad esempio, nella Legge regionale a tutela delle attività commerciali nelle aree montane, rurali e periferiche. Per questa nuova Legge sono stanziati 700mila euro ed i relativi bandi dovrebbero uscire nei prossimi mesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento