La Confesercenti Cesenate ha incontrato i candidati alle elezioni politiche del Pri

La Confesercenti Cesenate ha incontrato Renato Lelli e Luca Ferrini, candidati del Partito Repubblicano Italiano alle prossime elezioni politiche

La Confesercenti Cesenate ha incontrato Renato Lelli e Luca Ferrini, candidati del Partito Repubblicano Italiano alle prossime elezioni politiche. “In un franco dibattito – commentano Cesare Soldati e Graziano Gozi, rispettivamente presidente e direttore della Confesercenti Cesenate – abbiamo esposto a Renato Lelli e Luca Ferrini i principali temi del commercio, del turismo e dei servizi che la Confesercenti vuole porre alla attenzione dei programmi politici nazionali dei candidati. Temi che i candidati repubblicani hanno in massima parte condiviso e apprezzato. Il commercio tradizionale al dettaglio non alimentare è tuttora in profonda crisi e la crescita delle vendite online rappresenterà una concorrenza fortissima anche in futuro. Da una parte anche il piccolo commerciante dovrà affiancare l’e-commerce alla vetrina fisica ma i grandi soggetti come Amazon o anche le grandi catene franchising manterranno condizioni di vantaggio. Per le piccole imprese servirà puntare sulla qualità e su prodotti ricercati”.

“Anche per via di questo scenario – continuano Soldati e Gozi - è indispensabile intervenire sul sistema fiscale, attualmente troppo pesante. Contemporaneamente serve agire sulla web tax (la tassa sulle vendite online), per creare condizioni di partenza con meno squilibrio rispetto ad oggi. Altro aspetto fondamentale è il contrasto all’economia sommersa ed abusivismo commerciale, che sfugge alle regole tributarie a cui devono sottostare tutte le imprese “ordinarie e regolari”, generando differenze, disparità e forme di concorrenza ingiuste sempre, ma non sopportabili in momenti di gravi difficoltà, come quelli che attraversiamo da anni. Circoli, agriturismi, farmer market, palestre, trasporti, mercatini del riuso, affittacamere. Non è in discussione la funzione sociale di un luogo o di un servizio, quando si tratta effettivamente di questo. Ma non è più tollerabile sopportare tutto ciò che sta avvenendo ogni giorno ed alle istituzioni chiediamo di aprire gli occhi e intervenire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Altro punto fondamentale – proseguono il presidente e il direttore della Confesercenti Cesenate - è l’impegno concreto sula questione sicurezza. A Cesena e in tutti i Comuni, in centro e nelle frazioni. È un problema non solo percepito ma concreto e attuale in tutto il territorio. A Cesena è positivo ma non risolutivo il progetto che prevede la dotazione diffusa di telecamere. Proponiamo incentivi per la dotazione di sistemi di sicurezza nei negozi e una collaborazione sinergica delle varie Forze dell’Ordine con l’istituzione del numero telefonico unico e centralizzato per tutte le segnalazioni come già avviene in diverse province e regioni”. “Per quanto riguarda il turismo – precisano Soldati e Gozi -, va compreso che si tratta di un elemento trainante per l’economia italiana e romagnola. I dati dimostrano che ci sono tutte le condizioni per crescere anche in futuro sia per quanto riguarda le presenze che per quanto riguarda i consumi nei pubblici esercizi (bar e ristoranti). Riproponiamo, inoltre, la richiesta di un’azione tesa alla semplificazione amministrativa. Gli uffici (tutti gli uffici pubblici), a nostro avviso, dovrebbero essere a disposizione degli utenti ed offrire le modalità migliori per risolvere i problemi nel rispetto della Legge. Talvolta sembra di dover affrontare relazioni fra controparti che faticano a trovare il necessario equilibrio per superare le difficoltà. Non va dimenticato, inoltre, che in Italia esistono 700 scadenze fiscali e 60.000 norme tributarie. Sono calcolate in 285 le ore ad anno necessarie per “smaltire” il carico di lavoro connesso alla burocrazia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento