Impresa e bellezza per gli studenti del “Serra”: visita alla “Neri” di Longiano

Gli studenti hanno fatto domande e hanno avuto risposte: sulla comunicazione aziendale, le tecniche di gestione e il modo in cui un’impresa si muove, in tempo di globalizzazione, sui mercati internazionali

Nel quadro del progetto “A scuola d’impresa”, destinato ai giovanissimi del biennio dell’Istituto Tecnico Economico “Renato Serra”, gli studenti delle classi II C e II E indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing – con i docenti di Economia aziendale Alessandra Boni ed Enzo Capelletti, Maria Castagnoli di Matematica ed Edera Lucchi di Informatica – hanno potuto conoscere un’eccellenza italiana nel mondo: la Neri s.p.a. di Longiano, azienda che si occupa di arredo urbano, in tutte le sue declinazioni, e illuminotecnica.

Il titolare Antonio Neri, insieme ad alcuni suoi collaboratori dell’area “Ricerca e sviluppo”, ha condotto i ragazzi in un percorso sapientemente guidato attraverso lo stabilimento, mostrando loro, con la passione di chi ama il suo lavoro, le tecniche di avanguardia utilizzate nelle varie fasi del processo produttivo. Gli studenti hanno anche visitato il “Museo Italiano della Ghisa”, materiale principe, oggi integrato dall’acciaio, per l’arredo urbano e dei giardini, così ammirando pezzi storici e realizzazioni attuali. Mattinata conclusa nella sala conferenze, dove Antonio Neri ha illustrato ai ragazzi i momenti salienti della storia dell’azienda, fondata artigianalmente nel 1962 dal padre Domenico, e oggi – alla terza generazione – presente, con le proprie realizzazioni, nei luoghi più belli d’Italia e in tante città nel mondo: New York, Las Vegas, Miami, San Pietroburgo, Mosca, Dubai, Porto Rico, Tokio, Dublino, Parigi.

Gli studenti hanno fatto domande e hanno avuto risposte: sulla comunicazione aziendale, le tecniche di gestione e il modo in cui un’impresa si muove, in tempo di globalizzazione, sui mercati internazionali. Accolti con calore, e sentendosi protagonisti. È così che il “Serra” – rimarca la Preside Susi Olivetti – intende “la scuola”: dentro le aule, per ricevere una solida cultura di base sia nelle materie professionali, inerenti ad ogni aspetto della vita dell’impresa, sia sotto il profilo umanistico-culturale; e fuori delle aule, nella realtà concreta delle aziende, per vedere e capire cos’è l’impresa, come si fa impresa, come nell’impresa si lavora. Da subito, sin dal biennio: con un piano stabile di visite aziendali (che diverranno completi stages e tirocini nel triennio), per entrare davvero in quel mondo del lavoro che attende i ragazzi, una volta diplomati, come giovani e già motivati professionisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento