menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indagine sui luoghi da rigenerare: "Partire da Piazza della Libertà, Foro e gallerie del centro"

Il 95,5% del campione di imprenditori sondati è favorevole a programmi di rigenerazione urbana che abbiano come obiettivo lo sviluppo turistico della città

Con “Luci sulla città” Cat Ascom Servizi, in partnership con Confcommercio Cesenate e con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, ha presentato i risultati del progetto “La rigenerazione urbana per il commercio”, dando a imprenditori e amministratori pubblici un nuovo strumento per prendere decisioni. Al centro del progetto un'indagine su consumatori e operatori imprenditoriali sulla città di Cesena, da cui sono scaturite importanti indicazioni.

Il 95,5% del campione di imprenditori sondati è favorevole a programmi di rigenerazione urbana che abbiano come obiettivo lo sviluppo turistico della città; l'82%, poi, concorda sul recupero di immobili fatiscenti da destinare ad attività turistico/ricettive e commerciali e ben il 72% saprebbe indicare un'area da recuperare o riconvertire. Scopriamo dunque quali sono le principali segnalazioni arrivate: Piazza della Libertà (anche se da poco inaugurata ha bisogno di trovare una propria identità), il Ponte di San Martino, il Parco della Rimembranza, le gallerie, il Lungofiume e l'ex mercato ortofrutticolo. Gli operatori economici sollecitano l'amministrazione per avere più parcheggi, più aree pedonali, più verde pubblico e più promozione;  chiedono un diverso sistema di accesso al centro storico che consenta di pedonalizzare offrendo allo stesso tempo sosta comoda e dando spazio sull'arredo urbano. Il 67% degli imprenditori, infine, si dice disponibile a investire in un programma di rigenerazione urbana per migliorare l'estetica e la funzionalità del proprio esercizio.

Veniamo ora ai consumatori: il 48% si reca in centro a Cesena per fare acquisti, il 29% per il piacere di una passeggiata e il 21% per lavoro. Gli orari dei negozi non soddisfano un cliente su quattro; mentre sui prezzi generalmente applicati c'è un giudizio positivo per il 57,4% del campione e la qualità dei prodotti in vendita è promossa dal 75%. L'arredo urbano di Cesena piace al 63% delle persone, che però sono insoddisfatte per Piazza della Libertà, richiedono più verde e in particolare un arredamento floreale, oltre che più panchine. Sul fronte dell'offerta commerciale i consumatori rimarcano la necessità di più proposte per i bambini assieme a una modalità di informazione più tempestiva per offerte e iniziative. Infine i frequentatori del centro vorrebbero una riqualificazione ai fini della socializzazione per piazza della Libertà, Foro Annonario e un rilancio delle gallerie.

L'indagine è stata presentata nell'ambito di un talk-show su Teleromagna con il presidente di Confcommercio Cesenate Corrado Augusto Patrignani, il sindaco di Cesena Enzo Lattuca, di Gatteo Gianluca Vincenzi, di Cesenatico Matteo Gozzoli e di Bagno di Romagna, Marco Baccini. Ad inquadrare il tema da un punto di vista tecnico, illustrando le opportunità della rigenerazione urbana, è stata la professoressa Giulia Lucertini dell'Università Iuav di Venezia.

 “L'emergenza  ha confermato quanto sia importante il ruolo economico e sociale del commercio di prossimità, spero che le scelte di consumo di ciascuno ne tengano conto – commenta il presidente Patrignani – Le imprese hanno bisogno di indennizzi e sostegno nell'immediato, ma bisogna guardare avanti, a progetti che tengano insieme rigenerazione urbana e rivitalizzazione del tessuto commerciale, dei pubblici esercizi e dei servizi di prossimità di città come Cesena e dei centri più piccoli del comprensorio. Ecco perché abbiamo intrapreso questo progetto, nello spirito propositivo che caratterizza Confcommercio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento