Imprese e tasse, analisi di Cna: "Cesena si conferma maglia nera in regione"

E' quanto emerge dal "Rapporto 2016 – Comune che vai fisco che trovi" di Cna

Anche quest’anno gli imprenditori cesenati dovranno lavorare fin dopo Ferragosto per pagare le tasse. E' quanto emerge dal "Rapporto 2016 – Comune che vai fisco che trovi" di Cna, che fotografa numeri la mano l’andamento della situazione fiscale dal 2011 al 2016. La tendenza nazionale, che vede un calo dell’incidenza totale della tassazione, non è purtroppo confermata a livello locale. Tale valore, detto “Total Tax Rate”, per artigiani e piccole imprese scende al 60,9%, rispetto al 62,2% del 2015 (-3,6% sul 2012). A Cesena si è passati dal 62,6% al 62,7%. "Si tratta  - spiega Lorenzo Zanotti, presidente di Cna Forlì-Cesena - di aumenti minimi, ma che sono in controtendenza in senso negativo".

L’analisi del rapporto Cna è calcolata su una impresa manifatturiera rappresentativa del tessuto economico italiano, in particolare: azienda con 4 operai e un impiegato, con reddito d’impresa di 50.000 euro all’anno. Rispetto al trend positivo nazionale, a livello locale suona un’altra musica. A Cesena nel 2016 un'azienda di questo tipo pagherà 31.346 euro di tasse, il 62,7% del proprio reddito. Anche qui, si pagheranno 38 euro in più rispetto al 2015, quando l’incidenza totale delle imposte arrivava al 62,6%; e anche qui l’incidenza dei tributi locali cala dal 20,9% al 20,7%. Di quei famosi 50.000 euro, a Cesena ne rimangono 18.654 euro.

L’Osservatorio fissa anche il tax free day, cioè il giorno dell’anno nel quale una piccola impresa smette di lavorare per pagare tasse, imposte e contributi, e comincia a produrre reddito disponibile per il titolare e per la sua famiglia. Data che, per quanto ci riguarda, cade il 16 agosto a Cesena, guadagnando un giorno rispetto al 2015. Si conferma in sostanza a livello regionale la situazione del 2015. In una classifica nella quale i più virtuosi stanno nella parte bassa della classifica, sul campione di 124 città Forlì si colloca al 34esimo posto e Cesena al 38°. Si confermano posizionati meglio gli altri capoluoghi romagnoli: Rimini è al 72° posto e Ravenna al 75°, con entrambe le città che guadagnano diverse posizioni

"Se guardiamo il peso fiscale complessivo, come abbiamo detto siamo al 63% a Forlì e al 62,7% a Cesena - osserva Zanotti -. entrambi dati peggiori della media nazionale (60,9%), come anche delle città vicine (Rimini si attesta sul 59,7% e Ravenna sul 59,6%). L’incidenza della tassazione locale è del 21,1% a Forlì e del 20,7% a Cesena (a Rimini 18% e a Ravenna 17,4%). Senza voler fare la guerra sui decimali i miglioramenti delle città a noi vicine ci mostrano che esistono dei margini per ridurre le imposte, anche a livello locale. Una cosa assolutamente necessaria in una situazione di recessione, per sostenere gli investimenti e la ripresa, soprattutto sul mercato interno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo dell'imprenditoria cesenate è in lutto: è morto Augusto Suzzi, fondatore della 'Suba'

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Ristoratrice apre le porte del suo agriturismo e accoglie 58 clienti a pranzo e cena: denunciata

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

  • I numeri settimanali del Covid, il Cesenate è l'area più colpita: forte aumento dei contagi

  • Coronavirus, approvato il nuovo decreto: divieto di spostamento tra regioni fino al 15 febbraio

Torna su
CesenaToday è in caricamento