Imprese, la situazione in provincia: 94 attive ogni 1000 abitanti

Nel periodo aprile-giugno 2018 nell’aggregato Romagna si sono verificate 1.182 iscrizioni e 858 cancellazioni (al netto di quelle d’ufficio) per un saldo di +324 unità

Secondo i dati diffusi da Movimprese – Infocamere, al 30 giugno 2018 nel sistema aggregato Romagna (Forlì-Cesena e Rimini) si contano 99.767 localizzazioni registrate (sedi e unità locali), di cui 88.669 attive; le imprese registrate (sedi) ammontano a 81.966, di cui 71.470 attive. L’imprenditorialità si conferma diffusa: 98 imprese attive ogni 1.000 abitanti (91 imprese a livello regionale e 85 a livello nazionale).

Nel periodo aprile-giugno 2018 nell’aggregato Romagna si sono verificate 1.182 iscrizioni e 858 cancellazioni (al netto di quelle d’ufficio) per un saldo di +324 unità; il tasso di crescita trimestrale delle imprese registrate risulta positivo, attestandosi al +0,40%, in linea col dato regionale (+0,45%) e di poco inferiore a quello nazionale (+0,51%).

Nel confronto con il 30/06/2017 si riscontra un lieve calo delle imprese attive pari allo 0,4% (-0,2% escludendo il settore agricolo), uguale alla variazione negativa regionale, mentre una sostanziale stabilità caratterizza l’Italia (+0,1%). Si assiste, comunque, al rallentamento della flessione delle imprese attive; le relative diminuzioni annue risultano infatti inferiori all’1%, sia alla fine del 1° semestre 2018 sia al termine dello stesso periodo del 2017 (-0,7%) e del 2016 (-0,4%), a differenza delle rispettive flessioni intercorse tra il 2013 e il 2015 (tra l’1% e il 2%). La dinamica è confermata anche a livello di iscrizioni e cessazioni, con un indice di natalità trimestrale (14,4 iscrizioni per mille imprese registrate) simile al dato regionale (14,3), anche se inferiore a quello nazionale (15,2).

Per quel che riguarda i settori economici, i principali risultano, nell’ordine: Commercio (24,0% sul totale delle imprese attive), in calo annuo dell’1,0%, Costruzioni (14,6%), anch’esso in calo dell’1,0%, Agricoltura (12,7%), in flessione dell’1,6%, Industria manifatturiera (8,6%), in flessione dell’1,1%, e Attività immobiliari (7,7%), in diminuzione dello 0,3%; in crescita, invece, le attività di Alloggio e ristorazione (10,5% sul totale), +0,4%, le Altre attività di servizi (prevalentemente servizi alle persone: 4,6%), +0,9%, le Attività professionali e tecniche (3,4%), +1,7%, i Servizi alle imprese (2,8%), +5,0%, i Servizi finanziari (2,0%), +2,9%, e quelli informatici (1,9%), +4,2%.

Per quanto concerne la natura giuridica, più della metà delle imprese attive sono imprese individuali (55,8%), cui seguono le società di persone (23,6%) e le società di capitale (18,4%), quest’ultima unica forma giuridica in aumento (+3,3%).

“La dinamica demografica delle imprese reagisce al contesto generale in modo lento, anche nella fase di crescita. L’analisi dei dati del secondo trimestre, pertanto, consegna un quadro confortante, in progressivo miglioramento e conferma ancora una volta la caratterizzazione dinamica e articolata del nostro territorio orientato, seppure lentamente a una sempre maggiore strutturazione, come dimostra anche il costante aumento delle società di capitale. - Commenta Fabrizio Moretti, Presidente della Camera di commercio della Romagna - Per consolidare questi risultati è ancora più necessario l’impegno della Camera di commercio con iniziative che mirino a migliorare sia il contesto territoriale in cui le imprese operano, sia le caratteristiche del sistema imprenditoriale stesso. In questa direzione vanno le iniziative finalizzate a sostenere l’innovazione digitale nelle imprese, fattore determinante e ormai imprescindibile per la competitività e lo sviluppo del sistema imprenditoriale, come il bando “Vaucher Digitali I4.0”. Forte è l’impegno anche per le giovani generazioni, per sviluppare un’”educazione” alla cultura di impresa, attraverso il sostegno concreto a percorsi di alternanza scuola-lavoro, con un bando ad hoc che uscirà a breve e ricercando un dialogo continuo tra istituzioni, mondo della scuola e dell’impresa.”

Sistema imprenditoriale: focus provinciale Forlì-Cesena
In provincia di Forlì-Cesena al 30 giugno 2018 si contano 50.887 localizzazioni registrate (sedi e unità locali), di cui 45.340 attive; le imprese registrate (sedi) ammontano a 42.358, di cui 37.065 attive. L’imprenditorialità si conferma diffusa: 94 imprese attive ogni 1.000 abitanti (91 imprese a livello regionale e 85 a livello nazionale).

Nel secondo trimestre del 2018 si sono verificate 557 iscrizioni e 454 cancellazioni (al netto di quelle d’ufficio) per un saldo di +103 unità; il tasso di crescita trimestrale delle imprese registrate è pari al +0,24%, inferiore al dato regionale (+0,45%) e nazionale (+0,51%).

Nel confronto con il 30/06/2017 si riscontra un calo delle imprese attive dello 0,7% (-0,5% escludendo il settore agricolo), maggiore del calo regionale (-0,4%), mentre risulta stabile il dato nazionale (+0,1%). Positivo comunque il rallentamento della flessione delle imprese attive, con una diminuzione nel 1° semestre 2018 che risulta essere la più bassa nel medio periodo (dal 2013).

Con riferimento ai principali settori economici si ritrovano, nell’ordine, il Commercio (22,2% sul totale), in calo annuo dell’1,5%, l’Agricoltura (17,8%), in flessione dell’1,6%, le Costruzioni (15,1%), in diminuzione dell’1,1%, il Manifatturiero (9,7%), con un -0,8%, e l’Immobiliare (6,2%), con un 
-1,9%; sono in crescita, invece, le attività di Alloggio e ristorazione (+0,7%) che pesano per il 7,5% del totale delle imprese attive provinciali.

Riguardo alla natura giuridica, più della metà delle imprese attive sono imprese individuali (58,0%), cui seguono le società di persone (21,8%) e le società di capitale (17,5%), quest’ultima unica forma giuridica in aumento (+3,0%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento