Imprese in rosa, Cesena supera Forlì: la fotografia scattata dalla Camera di Commercio

Tra i principali comuni, quelli con la più alta incidenza percentuale delle imprese femminili sul totale delle imprese attive sono, nell’ordine Bagno di Romagna (24,1%), Castrocaro Terme (22,7%), Forlimpopoli (22,5%), Bertinoro (22,2%) e Cesenatico (22%).

Al 30 giugno, nella provincia di Forlì-Cesena, si contano 7.584 imprese femminili attive che costituiscono il 20,8% del totale delle imprese attive provinciali (21,2% in regione e 22,6% a livello nazionale). Nel confronto con il 30 giugno 2019 si riscontra una diminuzione delle imprese femminili dello 0,9% (-0,6% in Emilia-Romagna, -0,3% in Italia). I principali settori economici risultano il "commercio" (25,7% delle imprese femminili), l’"agricoltura" (17,3%), le "altre attività di servizi"prevalentemente servizi alle persone) (13,6%), l’"alloggio e ristorazione" (11,4%), l’"ondustria manifatturiera" (8,4%) e le "attività immobiliari" (5,6%).

Rispetto al 30 giugno del 2019 calano le imprese femminili attive nel "commercio" (-1,6%), nell’"agricoltura" (-1,8%), nell'"alloggio e ristorazione" (-3,3%), nel "manifatturiero" (-4,8%) e, in forma lieve, nelle "altre attività di servizi" (-0,4%), mentre crescono quelle operanti nel settore "immobiliare" (+3,7%). I settori con la più alta incidenza percentuale delle imprese femminili sul totale delle imprese attive sono, nell’ordine "altre attività di servizi" (57,3%), "alloggio e ristorazione" (31,7%), "noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese" (25%), "commercio" (24,4%) e "agricoltura" (20,6%).

Riguardo alla natura giuridica sono prevalenti le imprese femminili individuali (67,8% del totale), seguite dalle società di persone (16,7%) e società di capitale (13,7%); nel confronto con l’anno precedente crescono le società di capitale (+2,0%) mentre diminuiscono sia le imprese individuali (-1,1%) sia le società di persone (-2,1%). In un contesto di analisi territoriale, infine, si evidenzia come più della metà delle imprese femminili provinciali (il 52,0%) abbiano la loro sede nei comuni di Forlì (28,9%) e Cesena (23,1%), buona anche la presenza nei comuni di Cesenatico (9%), Forlimpopoli (3%) e Bertinoro (2,7%), ossia nei cosiddetti “Comuni di cintura” (totale 14,7%), e di Savignano (4,6%), San Mauro (2,6%), Gambettola (2,4%) e Gatteo (2,4%) (”area del Basso Rubicone”, totale, con Longiano, 13,5%).

Ad essi vanno aggiunti i comuni di Meldola (2,5%), Bagno di Romagna (2,0%) e Mercato Saraceno (1,8%), e Castrocaro Terme e Terra del Sole (1,8%). In sintesi, il 53,7% delle imprese femminili attive si trova nel comprensorio di Cesena e il 46,3% in quello di Forlì. Tra i principali comuni, quelli con la più alta incidenza percentuale delle imprese femminili sul totale delle imprese attive sono, nell’ordine Bagno di Romagna (24,1%), Castrocaro Terme (22,7%), Forlimpopoli (22,5%), Bertinoro (22,2%) e Cesenatico (22%).

“In Romagna, oltre un’impresa su 5, è al femminile e in Italia, secondo quanto emerge dal Rapporto sull’imprenditoria femminile presentato il 27 luglio da Unioncamere italiana, le imprese femminili sono più di un milione e trecento mila - commenta Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna -. Purtroppo, con l’emergenza Covid-19 la loro crescita ha subito un rallentamento, probabilmente anche a causa del fatto che nelle fasi dell’emergenza il maggior aggravio familiare è ricaduto sulle donne".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre, ancora resistono condizionamenti culturali che ne rallentano l’intraprendenza come, per esempio, la maggiore difficoltà a ricorrere al credito bancario - prosegue Zambianchi -. Il rilancio dell’economia, invece, passa anche dalle donne che fanno e vogliono fare impresa, che rappresentano un potenziale ancora inespresso su cui puntare. È sempre più importante, perciò, riservare all’imprenditorialità femminile più attenzione e assistenza per aiutarle nel loro percorso imprenditoriale: incentivi economici, percorsi formativi adeguati e strumenti di welfare e di conciliazione tra vita familiare e lavorativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ragazzi cacciati perché autistici", l'area di servizio si scusa: "Un equivoco, vogliamo fare una donazione"

  • Il virus torna a preoccupare nel Cesenate, cinque casi nelle ultime 24 ore

  • "Come al mare ma in riva al fiume", esordio per la 'spiaggetta' lungo il Savio

  • Coronavirus, tre nuovi casi nel Cesenate: due rientrati da paesi dell'Est-Europa

  • Piscine, acconciatori ed estetisti: una nuova ordinanza per chiarire i protocolli anti-Covid

  • Paura in collina, rovinosa caduta per un cicloturista: soccorso dall'elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento