Il decano dei barbieri riparte: "Primo giorno col pienone, mi tocca rimediare ai 'danni' delle mogli"

"Patrick" ha riaperto il suo salone di Case Castagnoli, e festeggia anche i 30 anni di attività. Primo giorno col boom di prenotazioni

E' stato un prevedebile assalto, tra le tante categorie che scalpitavano per ripartire c'era sicuramente quella dei barbieri e parrucchieri. Un 'primo' giorno per gli artigiani del capello, con un boom di prenotazioni, dopo quasi due mesi e mezzo di chiusura. 

In tanti non vedevano l'ora di tornare nei saloni, tra questi anche il sindaco Enzo Lattuca, che ha immortalato il ritorno dal barbiere con tanto di foto su Facebook. 

Tra i molti che sono ripartiti col "tutto esaurito" c'è anche Patrizio Magnani, in arte "Patrick", decano dei barbieri, che ha riaperto il suo salone nel cuore di Case Castagnoli. Il telefono squilla in continuazione, in pratica prenotazioni per tutta la settimana. Come ci si sente? Un primo giorno di scuola? "Non vedevo l'ora di ricominciare, tanti clienti stanno prenotando da giorni. Oggi dovrò riparare i 'danni' fatti dalle mogli - scherza l'esperto barbiere - è stato un momento difficile per tutti, anche per noi barbieri. Per me questo è un anno particolare, perchè festeggio i 30 anni del mio salone". Una carriera lunga iniziata come apprendista a Bulgarnò, poi Macerone, Cesena, prima di stabilirsi per un trentennio a Case Castagnoli.

Scrupoloso nel rispetto delle regole di sicurezza: "Comportano indubbiamente dei costi ma non aumenterò le tariffe". Insomma un primo giorno positivo, anche se mancano un po' le chiacchiere dei clienti, che si fermavano a leggere il giornale: "Col tempo speriamo tutti di ritornare gradualmente alla normalità".

Le regole

Gli accessi ai salone per la cura della persona possono avvenire solamente tramite prenotazione. I clienti possono rimanere all’interno dei locali esclusivamente per il tempo indispensabile all’erogazione del servizio. Devono essere riorganizzati gli spazi interni dei locali, per mantenere almeno un metro di distanza tra le postazioni di lavoro e tra i clienti. All’interno dei saloni ci devono essere dispenser di gel, sia per i clienti che per gli operatori. Devono essere eliminate le riviste.

Durante la fase di taglio dei capelli, sia l’operatore che il cliente devono indossare la mascherina, tranne nel caso in cui sia impossibile in base alla prestazione erogata (per esempio il taglio della barba). Gli operatori sono invitati a indossare, quando possibile e necessario, anche la visiera protettiva, i guanti e grembiuli monouso.  È inoltre necessario disinfettare attrezzature e accessori, igienizzando anche la postazione dopo ogni cliente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Dopo l'influencer al Grande Fratello Vip una cesenate a Uomini e Donne: "Voglio conquistare il tronista"

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento