Icarus, Confcommercio: "Ultimo anello che ha mortificato il centro"

"Icarus diventa una sorta di ultimo anello di una catena che da più lustri ha mortificato la fruibilità del centro storico e il suo commercio".

"Mentre tutta l'attenzione si polarizza sull'entrata in funzione di Icarus, sui tanti accessi illegittimi dei primi giorni, sull'ansia se non fobia da multa che si sta diffondendo in chi deve recarsi in centro storico, vale la pena rimarcare ancora una volta quello che la Confcommercio cesenate ha sempre sostenuto: Icarus in sè non può essere criticato, ma nel contesto in cui viene reso operativo fa sì che tutta l'attenzione si è concentri su un deterrente, peraltro in sé legittimo, e non su un favorente, cioé su un dispositivo che accresce l'accesso e la fruibilità del centro". E' quanto afferma il presidente dell'associazione di categoria, Corrado Augusto Patrignani.

Patrignani contestualizza i decenni scorsi: "l'ardita scelta amministrativa di realizzare, unico comune del territorio, i grandi centri commerciali a ridosso del centro, serviti da ampi parcheggi gratuiti. La tesi (che definire ingenua è generoso) fu: 'ma no, tranquilli, i clienti fanno la spesa alimentare ai grandi centri, poi si spostano in centro storico per gli altri acquisti, non sono centri commerciali competitivi al centro, con il quale si integreranno'. Mancano solo Biancaneve e i sette nani per finire la favola".

Continua con l'analisi degli anni successivi: "allargamento della zona pedonalizzata, aumento del costo della sosta, chiusura di parcheggi". Ed ora Icarus: "tutto ci concentra su come rendere il cuore della città come uno di quei vecchi salotti delle case nobiliari non più utilizzati da tempo che quando entri magari dici "Oh, com'è bello!", ma poi noti la polvere provocata dal tempo sulle poltrone mai utilizzate. Mentre in centro crescono i locali sfitti, mentre la crisi del commercio non accenna a stemperarsi e si abbassano le serrande, per chi ha memoria storica Icarus diventa una sorta di ultimo anello di una catena che da più lustri ha mortificato la fruibilità del centro storico e il suo commercio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' per quello che noi diciamo che Icarus va contestualizzato e che in sé non si può criticarlo, ma come in tutte le cose i tempi sono decisivi. Renderlo operativo adesso, con questa spesa, mentre i negozi chiudono, è semplicemente intempestivo e anacronistico, così come lo è chiudere il parcheggio di piazza della Libertà, un altro passo verso quel salotto bello ma vuoto in cui nessuno si siede sulle poltrone e ci ritroveremo così un bel centro-museo con i reperti della vita che fu", conclude Patrignani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento