Hanno resistito alla crisi: "Premio Maestro dell'Alimentazione" a due storiche attività

Il premio “Maestri Italiani dell’Alimentazione” vuole valorizzare il piccolo commercio alimentare e le tante attività storiche e di qualità italiane

Massimo Campedelli, per la Macelleria-Gastronomia dei Fratelli Campedelli, di Savignano Sul Rubicone e Michele Massaro, per Orocarni dei Fratelli Massaro, di Cesena, hanno ricevuto a Verona, dalla Fiesa Nazionale, in occasione di Eurocarne 2018, il Premio “Maestro Italiano dell’Alimentazione”. A consegnargli il premio sono stati il presidente Giampaolo Angelotti e il direttore Gaetano Pergamo, di Fiesa-Confesercenti nazionale, assieme a Rosario Trefiletti, presidente di Federconsumatori e ad Agostino Macrì, membro del Comitato Scientifico Nazionale sull’Alimentazione di Origine Animale, promosso da Ismea e Mipaaf.

Ecco le motivazioni dei due Premi. “La Macelleria Gastronomia dei fratelli Campedelli, a Savignano Sul Rubicone, è iniziata dalla madre Tina nel 1981 e portata avanti dai figli nella attuale sede, in viale della Libertà, 78. Alta qualità dei prodotti e del servizio fornito all’intera zona del Rubicone, nella quale svolge il ruolo di punto di riferimento per passione e professionalità”. “Orocarni, dei Fratelli Michele e Matteo Massaro, è un’azienda familiare iniziata nel 1971 dal padre Francesco e dalla madre Sipontina a Cesena. I fratelli Massaro trasferiscono poi, nel 1990 l’azienda familiare in pieno centro città, in via Strinati, 37. Con professionalità e passione propongono da sempre i migliori prodotti di qualità con un servizio attento a tutte le esigenze, divenendo negozio vitale per il centro storico di Cesena”.

Il premio “Maestri Italiani dell’Alimentazione” vuole valorizzare il piccolo commercio alimentare e le tante attività storiche e di qualità italiane che hanno saputo rigenerarsi e resistere in questi anni alla crisi, alla concorrenza spietata della grande distribuzione e, a volte, allo spopolamento avvenuto in molti paesi. La finalità del premio è proprio quella di dare risalto a queste attività, protagoniste della storia locale, che sono un validissimo sostegno dei sistemi territoriali, intesi come contenitori naturali di vita quotidiana.

“Con i loro negozi – commenta Cesare Soldati, presidente della Confesercenti Cesenate – i fratelli Campedelli, i fratelli Massaro e le loro famiglie, svolgono da sempre, con tenacia e grande impegno, una funzione encomiabile di servizio e di presìdio territoriale che contribuisce a migliorare la qualità della vita dei residenti. Con la competenza acquisita sui prodotti di qualità offerti alla propria clientela sono oggi due delle botteghe storiche che hanno segnato il territorio costituendone l’ossatura, la storia e la tradizione. Operatori come questi, per la loro passione, la professionalità maturata, la presenza e il dinamismo, meritano di essere riconosciuti come una risorsa preziosa per il luogo dove operano”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

Torna su
CesenaToday è in caricamento