Economia

Green economy, un'opportunità per imprese e territorio

Si è tenuta mercoledì a Mercato Saraceno l’Assemblea annuale di CNA Cesena Val Savio, intitolata “Piccola impresa. Sempre nuove energie per crescere”, che ha coinvolto 140 imprenditori

Si è tenuta mercoledì a Mercato Saraceno l’Assemblea annuale di CNA Cesena Val Savio, intitolata “Piccola impresa. Sempre nuove energie per crescere”, che ha coinvolto 140 imprenditori. Si è parlato di risparmio energetico e fonti rinnovabili, oltre che delle opportunità per le imprese che offre la green economy. Alla discussione hanno partecipato Oscar Graziani, sindaco di Mercato Saraceno; Paolo Lucchi, sindaco di Cesena; Enzo Cortesi, presidente CNA Forlì-Cesena; Sanzio Bissoni, presidente di CNA Cesena; Hubert Bosch, presidente di CNA Valle Savio; Roberto Sanulli, responsabile CNA Cesena Val Savio e il professor Luciano Morselli dell’Università di Bologna. Presenti inoltre molti rappresentanti delle Istituzioni locali.

Tra i temi al centro della discussione quello della riqualificazione degli edifici, nell’ottica di uno sviluppo più sostenibile ma anche come opportunità per le imprese del settore delle costruzioni. È stato richiamato il progetto di CNA “Ristrutturare rigenerare, riorganizzare la città per una nuova qualità dell’abitare”, presentato a Cesena lo scorso aprile. Avviare un percorso di rigenerazione del patrimonio edilizio invecchiato, riducendo l’inquinamento, stoppando il consumo di territorio, ridisegnando parte delle nostre città e contribuendo a ridare ossigeno a un settore, il comparto casa, particolarmente colpito dagli effetti della crisi. Un progetto che, come ha ricordato il sindaco Lucchi, è servito come traccia per la creazione del nuovo Piano strutturale di Cesena.

Sono stati poi ricordati i molti strumenti specifici attivati dal sistema CNA Forlì-Cesena per affiancare le imprese: dallo Sportello Energia, con il Progetto Empower, che assicura risparmi fino al 30% nell’acquisto di energia; al Servizio ambiente attivo in materia di eco-incentivi; alla formazione, attraverso Ecipar, su temi quali la gestione aziendale ecosostenibile o l’analisi del ciclo di vita del prodotto; o infine Paghe impatto zero, un servizio che elimina completamente l’uso della carta.

L’incontro è stato arricchito dalle testimonianze di due imprenditori locali che operano nel settore: Pier Paolo Rossi di Plastisavio, che produce energia verde grazie a impianti di cogenerazione o ad olii vegetali. Tre i progetti presentati: un progetto di teleriscaldamento per gli edifici pubblici in partnership col Comune di Mercato Saraceno; un progetto di conversione di terreni incolti della vallata in colture che producano olio combustibile; infine un progetto innovativo che punta a produrre petrolio a partire dalla plastica.

È stata poi la volta di Gianfranco Boschi di B&G Ecolyne, ditta nata sei anni fa e che ha visto raddoppiare di anno in anno i fatturati. Realtà che lavora in tutta Italia e anche in Europa, impegnata in nuovi investimenti e nuove assunzioni. Numerosi i progetti presentati, spesso ideati in partnership con università e centri di ricerca. Tra questi, dei sacchetti in carta riciclata compostabili per la raccolta dell’umido.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green economy, un'opportunità per imprese e territorio

CesenaToday è in caricamento