rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

Gli orari del Mercato ortofrutticolo diventano un caso: "Indispensabile almeno un pomeriggio di apertura"

Nella diatriba interviene la Confesercenti con – Angelo Spanò – che esordisce affermando  "gli orari di apertura e chiusura delle attività commerciali sono un tema complesso e delicato"

Sulla proposta di riduzione di apertura del mercato, si sono mossi sia alcuni standisti del mercato sia 45 acquirenti che sottoscrivendo una richiesta indirizzata alla direzione del mercato e al Sindaco del Comune di Cesena intendono far presente la loro contrarietà e le difficoltà a cui andranno incontro nel caso non venga prevista l’apertura di almeno un pomeriggio alla settimana. 

Nella diatriba interviene la Confesercenti con – Angelo Spanò – che esordisce affermando  "gli orari di apertura e chiusura delle attività commerciali sono un tema complesso e delicato, questo implica una serie di questioni quali, la qualità dell’offerta, gli orari di lavoro, la frequenza degli utenti, i costi aziendali".

"E’ evidente che sono temi - dichiara Angelo Spanò di Confesercenti – che interessano anche il mercato ortofrutticolo, che deve regolamentare gli orari in base a questi criteri. E’ indubbio che prima di assumere decisioni la direzione del mercato abbia fatto molte verifiche, ma non prevedere almeno 1 pomeriggio di apertura vuol dire scegliere di rinunciare a servire quei clienti, pochi o molti che essi siano, che sono impossibilitati a frequentare il mercato in orario mattutino. Al di la di tutte le considerazioni – continua Angelo Spanò – credo che la richiesta di 3 standisti del mercato e di circa 45 operatori/acquirenti meriti molta più considerazione di quanta ne stia ricevendo, soprattutto in un periodo difficile per tutti e anche il mercato ortofrutticolo di Cesena non può permettersi di rinunciare neanche ad un acquirente che come per tutte le attività costituisce il suo vero patrimonio".

"E’ assolutamente indispensabile ripristinare almeno 1 pomeriggio di apertura - conclude Angelo Spanò – altrimenti il rischio di disaffezione e quindi di rinuncia ad effettuare i suoi acquisti al mercato di Cesena è molto alto, per una struttura che fino a poco tempo fa era aperta quasi tutti i pomeriggi della settimana, non prevederne neanche uno, è un salto in avanti troppo rischioso per l’intera struttura mercatale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli orari del Mercato ortofrutticolo diventano un caso: "Indispensabile almeno un pomeriggio di apertura"

CesenaToday è in caricamento