Gli autotrasportatori Cna: "Puntuali i rincari dei pedaggi a fronte di nessun nuovo servizio"

Puntuali come un orologio sono giunti i rincari di ogni inizio di anno. Quelli dei pedaggi autostradali mandano su tutte le furie gli autotrasportatori di Fita-Cna

Puntuali come un orologio sono giunti i rincari di ogni inizio di anno. Quelli dei pedaggi autostradali mandano su tutte le furie gli autotrasportatori di Fita-Cna. Spiega una nota: "Il mondo dell’autotrasporto ha poche certezze ma almeno una costante: il primo gennaio, inesorabilmente, arrivano gli incrementi dei pedaggi a fronte di miglioramenti nella qualità dei servizi, solo presunti".

“Tra le spese di un’azienda di autotrasporto di merci per conto terzi – afferma Daniele Battistini, presidente di CNA Fita Forlì-Cesena – i pedaggi autostradali hanno un peso pari al 10% e rappresentano la terza voce di costo dopo il personale e il carburante, con un aggravio superiore per chi esegue trasporti di linea nazionali, in quanto effettua oltre il 70% della sua percorrenza annua su autostrade a pedaggio. Questo rincaro genererà oneri aggiuntivi per oltre 300 milioni di euro l’anno”.

"Peraltro, occorre evidenziare che l’entità del rincaro sembra non seguire alcuna logica ragionevole: né quella legata all’inflazione – prevista all’1,2% mentre il pedaggio è pari al 2,75% - né quella rapportata ad adeguati investimenti sulla rete. Sorge allora il dubbio che il rincaro dei pedaggi si rinnovi, tra Stato e concessionari, su modelli privi di trasparenza e con parametri quantomeno discrezionali. È venuto il momento – conclude Battistini – di aggiornare le modalità di adeguamento annuale delle tariffe, considerando in maniera più realistica la qualità del servizio reso dai concessionari. Continuiamo a registrare, infatti, l’inadeguatezza della rete autostradale italiana, evidenziata da una velocità media tra le più basse d’Europa, dai disagi causati ad ogni precipitazione nevosa, dalla carenza di aree di sosta e da una discutibile manutenzione del manto stradale. CNA Fita chiede al Governo una maggiore coerenza, perché non può riconoscere all’autotrasporto professionale italiano i costi più alti del continente e poi continuare a penalizzarlo!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

Torna su
CesenaToday è in caricamento