menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli ambulanti cesenati: "Il mercato nel giorno di San Giovanni un segnale di fiducia"

"Le organizzazioni del commercio ambulante Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti - rimarcano i presidenti Alverio Andreoli e Gabriele Fantini - avevano avanzato questa richiesta"

Il mercato ambulante mercoledì 24 giugno nel giorno della festa del patrono di San Giovanni, dalle sei della mattina alle 15. Ha deciso che si possa svolgere in quel giorno festivo in deroga, e non come di norma anticipato,  l'amministrazione comunale di Cesena con una delibera di giunta assunta nella data odierna. Un provvedimento molto gradito dagli operatori del settore.

"Le organizzazioni del commercio ambulante Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti - rimarcano i presidenti Alverio Andreoli e Gabriele Fantini - avevano avanzato questa richiesta, certamente non per sostituire la fiera di San Giovanni che quest'anno, per ragioni relative ai protocolli sanitari controlli contagio e al divieto di assembramento, non può essere organizzata, ma semplicemente per lanciare nel giorno del patrono un segnale di presenza dei banchi, che in qualche modo poteva risultare gradita ai cesenati. Un segnale tangibile e simbolico, insieme, dopo la riapertura in sicurezza dei mercati qualche settimana fa, che ha riproposto necessariamente con una nuova organizzazione, le regole da rispettare e tutti i controlli del caso, uno degli ambiti cittadini più amati dai cesenati".

"L'assessore al commercio e allo sviluppo economico Luca Ferrini si è dimostrato sensibile alla nostra istanza - proseguono i presidenti Fantini e Andreoli - e così il sindaco Enzo Lattuca e tutta la giunta così, grazie al provvedimento, sarà possibile festeggiare il patrono, in quest'anno così difficile e diverso, con il mercato ambulante che irradia in ogni caso un'idea e anche un'occasione di normalità. Ne siamo molto felici e siamo certi che i banchi degli ambulanti cesenati onoreranno l'evento, contestualizzandolo anche , in quelli dolciari, con il caratteristico fischietto rosso, simbolo della festa patronale. La presenza dei banchi e di questa opportunità di shopping e di svago, in un contesto di socialità ritrovata sia pure sotto controllo nella fase ancora di emergenza per il covid-19, consentirà di per se stessa di fare avvertire maggiormente la giornata di festa e gli operatori commerciali su aree pubbliche sono lieti di poter offrire il loro contributo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento