rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Economia

Francia e Germania i principali paesi di destinazione, l'export in provincia segna un +16,5% nel 2021

Nel 2021 le esportazioni in provincia di Forlì-Cesena sono state pari a 3.991 milioni di euro, con un incremento del 16,5% rispetto al 2020

I dati riferiti all?anno 2021, nell?area Romagna ? Forlì-Cesena e Rimini, registrano un deciso incremento annuo dell?export, sostenuto dalla forte ripresa della domanda estera, diretta conseguenza del rafforzamento del commercio a livello mondiale, avvenuto, in particolare, nel secondo trimestre dell?anno. Aumento che risulta in linea con la variazione regionale ma inferiore a quello nazionale, e che ha il merito di compensare la perdita verificatasi nel 2020, rispetto al 2019. In crescita il valore esportato dei principali prodotti, così come le esportazioni verso i principali Paesi, eccezion fatta di quelle verso il Regno Unito, qui con differenze nelle due province.

"Brusco cambiamento di scenario con la guerra"

?I dati dell?export nel 2021 confermano la dinamicità del nostro sistema imprenditoriale, il gradimento dei nostri prodotti a livello internazionale e la buona capacità competitiva del nostro sistema produttivo. Gli scambi con l'estero, e in particolare le esportazioni, rappresentano una componente fondamentale per la nostra economia in quanto generano nuovo valore e sono anche una grande opportunità per promuovere l'apertura e l'attrattività dell'intero sistema territoriale ? dichiara Roberto Albonetti, Segretario generale della Camera di commercio della Romagna ?. Purtroppo, il conflitto Russia-Ucraina sta causando un brusco cambiamento dello scenario internazionale e desta forte preoccupazione. La durata e gli esiti della guerra influenzeranno molto l?economia europea e, quindi, quella italiana. Le ripercussioni economiche e sociali vanno, infatti, ad aggiungersi alle preesistenti difficoltà legate all?innalzamento del costo delle materie prime e delle fonti energetiche e potrebbero innescare una nuova crisi economica. Per questo condivido le recenti dichiarazioni di Antonio Patuanelli, presidente di ABI, Associazione bancaria italiana, sulla necessità urgente, se vogliamo evitare una spirale inflazione-recessione, di ?rivitalizzare tutti gli strumenti sperimentati con successo a livello comunitario e italiano, durante la pandemia, per sostenere le imprese e le famiglie, dalle garanzie sui prestiti alle moratorie, alla Cassa Covid, fino alla riduzione, questa volta, anche delle accise in materia energetica?. Credo sia opportuno rivedere e ripensare ciò che abbiamo pensato e programmato fino a ieri, perché il presente è già cambiato ed è evidente una forte domanda di beni "di prima necessità", per le famiglie e per le imprese. La Camera di commercio della Romagna resta a fianco delle imprese e delle loro organizzazioni imprenditoriali, in momenti di grande incertezza, come questi, servono grande coesione e piena collaborazione per aiutare concretamente l?economia e le famiglie del nostro territorio?.

Export delle imprese: focus provinciale Forlì-Cesena

Nel 2021 le esportazioni in provincia di Forlì-Cesena sono state pari a 3.991 milioni di euro, con un incremento del 16,5% rispetto al 2020, inferiore, seppur lievemente, alla variazione regionale (16,9%) e al dato nazionale (+18,2%). Positivo è il recupero della perdita verificatasi nel 2020 (-8,1% annuo), con un valore dell?export che raggiunge livelli superiori di quelli del 2019 (+7,1% la variazione 2021-2019). L?analisi trimestrale rileva come tutti e quattro i trimestri del 2021 facciano segnare un aumento tendenziale (rispetto agli stessi periodi dell?anno precedente); il più alto si registra nel secondo trimestre (+43,1% su aprile-giugno 2020) mentre quello minore si verifica nel terzo (+7,4% rispetto a luglio-settembre 2020).

Nel 2021 aumentano in modo deciso le esportazioni dei principali prodotti: +9,9% i macchinari e gli apparecchi meccanici (16,2% del totale), +28,7% i prodotti in metallo (13,6%), +14,6% i prodotti dell?agricoltura (9,6%), +35,5% i mobili (9,2%), +20,2% gli apparecchi elettrici (8,0%), +23,0% gli articoli sportivi (7,1%), +2,1% i prodotti alimentari e le bevande (7,0%), +6,6% i mezzi di trasporto (6,8%), di cui +2,6% le navi e imbarcazioni (5,5%), +12,7% gli articoli in gomma e materie plastiche (5,9%) e +8,7% le calzature (5,0%). I principali Paesi di destinazione delle esportazioni risultano, nell?ordine, la Francia (15,1% del totale), la Germania (12,5%), gli Stati Uniti (6,8%), la Polonia (4,6%), il Regno Unito (4,5%) e la Spagna (4,4%); è la Polonia a registrare la maggiore variazione annua (+31,9%), a cui seguono Stati Uniti (+24,8%), Francia (+18,0%), Germania (+16,3%) e Spagna (+11,4%), mentre risulta in diminuzione l?export verso il Regno Unito (-18,2%).

In tale contesto, le importazioni dell?anno 2021 ammontano a 2.065 milioni di euro (+29,1% sul 2020). Positivo, infine, il saldo commerciale (differenza tra esportazioni e importazioni) registrato nel 2021, e pari a +1.926 milioni di euro, in crescita del 5,5% rispetto a quello del 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francia e Germania i principali paesi di destinazione, l'export in provincia segna un +16,5% nel 2021

CesenaToday è in caricamento