menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Filippo Pieri è il nuovo segretario della Cisl provinciale

Filippo Pieri è il nuovo segretario generale della Cisl provinciale di Forlì-Cesena. L'elezione è avvenuta in occasione del Consiglio Generale di giovedì cui ha preso parte Raffaele Bonanni

Filippo Pieri è il nuovo segretario generale della Cisl provinciale di Forlì-Cesena. L’elezione è avvenuta in occasione del Consiglio Generale di giovedì cui hanno preso parte Raffaele Bonanni, segretario generale Cisl, Piero Ragazzini, segretario Cisl Nazionale e Giorgio Graziani, segretario generale CISL Emilia Romagna. Filippo Pieri, sostituisce Antonio Amoroso, ai vertici della Cisl dal 2003, dimissionario in quanto eletto nella segreteria regionale Cisl nelle scorse settimane.

Il Consiglio Generale ha espresso riconoscenza per il pregevole lavoro svolto in questi anni da Antonio Amoroso, ottenendo importanti risultati sia sul fronte contrattuale che nei rapporti istituzionali con le amministrazioni locali e le rappresentanze economico-sociali. Filippo Pieri, nato a Cesena 45 anni fa, sposato con 2 figli, è entrato a far parte della CISL nel 1989, è stato responsabile provinciale, dal 1990 al 2001, della categoria FILCA (settore edile, legno e costruzioni) ricoprendo anche un ruolo regionale, e dopo una parentesi di reggente nel vicino territorio di Rimini, dal 2003 è entrato a far parte della Segreteria CISL di Forlì-Cesena con il ruolo di responsabile organizzativo. Ha un lungo trascorso nel movimento scoutistico cesenate ed è un appassionato podista-maratoneta.


Sono entrati a far parte delle segreteria provinciale della CISL, Maria Antonietta Aloisi, cesenate e Vanis Treossi, forlivese, con il ruolo di segretario organizzativo. I lavori sono stati conclusi dall’intervento del Segretario Generale, Raffaele Bonanni, che ha aggiornato la numerosa platea sugli sviluppi della difficile trattativa sulla riforma del mercato del lavoro che, dopo l’incontro di mercoledì 14 marzo, ha registrato un positivo passo avanti, anche se restano ancora diverse questioni da affrontare e concordare, come ad esempio il problema degli oltre 150.000 lavoratori che con l’ultima riforma delle pensioni sono rimasti senza lavoro e senza pensione, le preoccupanti proposte che riguardano la indennità di disoccupazione per il settore agricolo e la forte richiesta dei sindacati di mettere fuori regola tutte quelle tipologie contrattuali (partite IVA, associati in partecipazione, imprese individuali, ecc..) che hanno contribuito fortemente degradare il mercato del lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento