Fiere, è rottura tra Cesena e Rimini. Inconciliabili

Qual è la posizione della Provincia sul processo di integrazione delle fiere? E' la domanda che pone, con un'interrogazione, il capogruppo del PdL Stefano Gagliardi

Qual è la posizione della Provincia sul processo di integrazione delle fiere? E’ la domanda che pone, con un’interrogazione, il capogruppo del PdL Stefano Gagliardi. Gagliardi ritiene “un fallimento il summit tra l’assessore regionale Muzzarelli, i sindaci di Forlì, Cesena e Rimini e i presidenti delle tre fiere” e rimarca “l’assenza dell’amministrazione provinciale alla riunione, assenza che non trova alcuna giustificazione né dal punto di vista politico né tanto meno dall’interesse che la Provincia avrebbe dovuto dimostrare a tutela delle singole realtà, a dimostrazione dell’incapacità di fare sistema e programmazione sul territorio”.

Si chiede quindi “per quale motivo la Provincia non era presente alla riunione, se era a conoscenza delle intenzioni rilasciate dal Sindaco di Forlì sul tema; come si valuti questo clamoroso insuccesso registratosi ancora una volta per la logica dei campanili, dei veti incrociati, anche in ragione delle fughe in avanti del Comune di Forlì, che peraltro, come dimostra la storia più recente, non raggiunge mai alcun traguardo favorevole alla nostra economia territoriale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risponde l’assessore provinciale alle Società partecipate Maurizio Castagnoli: “Non siamo stati invitati alla riunione, ma non c’era una volontà di emarginazione e l’assessore regionale ha chiesto scusa. Non è chiuso, però, il caso. Nel corso della riunione è emersa la non conciliabilità tra le richieste ed esigenze della fiera di Cesena e le richieste ed esigenze di Rimini. Mentre si stava effettivamente ragionando per l’unificazione delle fiere di Forlì e di Cesena, rendendole omogenee per quanto riguarda il patrimonio, è intervenuta un’azione lungimirante della Regione per un’aggregazione più ampia delle fiere, fino addirittura ad ipotizzare un’unica società regionale di gestione, o per lo meno tre nelle diverse aree del territorio regionale. Per noi è un’azione corretta, da inserire nella nostra precedente discussione sull’unificazione di Forlì e Cesena. Ora questa discussione è giunta ad un impasse: inutile negare un’evidente battuta di arresto, siamo ora in una fase di battuta d’arresto. Può anche darsi che il Macfrut possa essere spostato in una sede che ne garantisca anche un maggiore sviluppo, ma deve essere pensata una compensazione. Su questo schema c’è stata la rottura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento