rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Economia

Energia rinnovabile, Confagricoltura: "Servono meno vincoli. Ecco come dare slancio a foto e agrivoltaico"

Confagricoltura ha portato le sue osservazioni in merito durante l’udienza conoscitiva della Commissione Politiche Economiche della Regione Emilia-Romagna

Energia e agricoltura sono due mondi sempre più connessi e in futuro lo saranno ancora di più. Ma perché il settore primario sia effettivamente protagonista della transizione energetica – per esempio attraverso l’agrivoltaico o la produzione di biogas – serve un adeguato supporto normativo. E Confagricoltura ha portato le sue osservazioni in merito durante l’udienza conoscitiva della Commissione Politiche Economiche della Regione Emilia-Romagna" Emendamenti e integrazioni alla proposta di ‘Piano Triennale di Attuazione 2022-2024’ del Piano Energetico”.

Ad intervenire, per l’associazione, il vicepresidente di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini Alberto Mazzoni, che è anche vicepresidente nazionale della FNP Bioeconomia di Confagricoltura. “Per Confagricoltura è importante che la politica energetica possa compiere finalmente quel cambio di passo che auspichiamo da tempo - commenta Mazzoni– Ragionando di foto e agrivoltaico, per iniziare è importante definire le aree idonee sulle quali intervenire, sfruttando tutte le coperture utilizzabili degli edifici esistenti e individuando anche le porzioni di aree agricole, come quelle degradate rappresentate dalle cave o altre zone poco produttive, che possano essere recuperate grazie ai sistemi foto e agrovoltaici. Questi impianti devono essere realizzati laddove ci siano le condizioni idonee per garantire la funzionalità per la durata dell’impianto e non procedere con mere installazioni il cui costo vada a ricadere sulla collettività”.

"Il passaggio successivo deve per forza essere quello di definire “un quadro regolatorio chiaro e comprensibile attraverso cui snellire l’enorme quantità di vincoli presenti sulle aree necessarie alle installazioni. Questo potrà permettere così a chiunque di partecipare attivamente alla transizione energetica, investendo il proprio capitale. A nostro avviso - continua il vice-presidente di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini- l’indipendenza energetica può arrivare grazie al corretto mix di energie rinnovabili da fonti programmabili e non programmabili. Auspichiamo pertanto lo sviluppo degli impianti per la produzione del biometano e il proseguimento sulla strada degli impianti a biogas sui quali con ANB (Associazione Nazionale Bieticoltori) e CGB(Confederazione dei bieticoltori) abbiamo acquisito una notevole esperienza. L’obiettivo di Confagricoltura è quello di porsi come interlocutore attivo e disponibile con la Regione per raggiungere questo fondamentale risultato”. La produzione di energia può essere un’attività complementare a quella agricola, un’attività che ricade nei virtuosi percorsi di economia circolare. “Siamo fermamente convinti che la produzione e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili possa contribuire a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, a cui anche l’agricoltura emiliano-romagnola è chiamata a pagare il conto. C’è poi il tema più ampio della politica energetica del Paese: se si vuole contribuire all’indipendenza è quanto mai necessario spingere sulla produzione di fonti energetiche alternative. Ma questo, per le imprese agricole, vuol dire lavorare a un modello che preservi la competitività e la marginalità delle stesse – conclude Alberto Mazzoni- Motivo per cui ribadiamo come questo cambiamento, auspicato da tutti, debba garantire un ruolo centrale all’agricoltore anche come produttore di energia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia rinnovabile, Confagricoltura: "Servono meno vincoli. Ecco come dare slancio a foto e agrivoltaico"

CesenaToday è in caricamento