Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Elezioni, le proposte degli autotrasportatori ai candidati contro la concorrenza sleale

Sulle risorse strutturali per l'autotrasporto,  gli autotrasportatori chiedono il mantenimento dello stanziamento annuale di 250 milioni di euro e di evitare il taglio del rimborso  delle accise del gasolio

Valerio Cangini, presidente Confartigianato Trasporti Cesena

Gli autrasportatori di Confartigianato Trasporti saranno a raduno sabato alle 10,30 nella sede di via Ilaria Alpi. Ordine del giorno nutrito: si parlerà di legge di bilancio 2018, provvedimenti e  agevolazioni per il settore, richieste della categoria ai candidati al Parlamento e novità del rinnovo del contratto di lavoro per i dipendenti,  fattura elettronica dal 1° luglio 2018 per gli acquisti di carburante.

“Il documento con le richieste ai candidati – dice il presidente di Confartigianato Trasporti Cesena Valerio Cangini – è stato elaborato unitariamente in Unatras e si articola in cinque punti: pacchetto mobilità Ue, regolarità del mercato e semplificazione burocratica, governo del settore, risorse strutturali per l'autotrasporto, ricambio generazionale degli autisti. In ambito comunitario viene richiesta una posizione netta di contrasto alla concorrenza sleale ed al dumping sociale, facendo leva sull'alleanza con gli altri Paesi firmatari della Road Alliance.  Per farlo, sono proposte cinque azioni: rendere omogenei nell'Unione i trattamenti economici, sociali e normativi dei lavoratori e dei costi a carico delle imprese di autotrasporto; contrastare ulteriori liberalizzazioni del cabotaggio stradale; estendere la normativa sul distacco transnazionale ai trasporti internazionali da e per l'Italia effettuati dalle imprese estere; implementare un sistema nazionale di controlli mirati sui vettori stradali soprattutto esteri che concorrono slealmente eludendo le normative sociali, da effettuare attraverso strumenti tecnologici avanzati. Altre azioni sono richieste a favore della regolarità del mercato e la semplificazione burocratica".


Sulle risorse strutturali per l'autotrasporto,  gli autotrasportatori chiedono il mantenimento dello stanziamento annuale di 250 milioni di euro e di evitare il taglio del rimborso  delle accise del gasolio, della riduzione compensata dei pedaggi autostradali e delle deduzioni forfettarie delle spese non documentate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, le proposte degli autotrasportatori ai candidati contro la concorrenza sleale

CesenaToday è in caricamento