rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Economia

E' emergenza liquidità per le piccole imprese, Confartigianato: "I prestiti bancari sono in calo del 6%"

“Confartigianato - ha messo in luce Stefano Bernacci - con la sua cooperativa Confidi Sistemi! ha concorso già direttamente all’accesso al credito nel 2022 per un milione di euro soddisfacendo con i suoi molteplici strumenti una platea di 700 imprese territoriali"

L’emergenza delle piccole imprese - ai tempi della crisi energetica, del rialzo del costo del danaro e dell’inflazione galoppante - è quella finanziaria e occorrono più sforzi per sostenerle, in un territorio romagnolo dove nei primi dieci mesi dell’anno i prestiti bancari alle microimprese risultano in calo del 6%, mentre al contrario crescono quelli erogati alle aziende di maggiori dimensioni. E’ emerso in un convegno di Confartigianato Cesena inserito nel ciclo di cinque ‘cantieri ‘sui driver dello sviluppo a cui hanno partecipato centinaia di imprenditori.

Le piccole imprese artigiane territoriali cesenati richiedono mediamente prestiti nell’ordine di ventimila, trentamila euro, generalmente poco appetibili per il sistema bancario, ma debbono essere messe nelle condizioni di operare investimenti e gestire la liquidità. Rappresentano, d’altro canto, oltre il 98% del tessuto produttivo. “L’area economico-finanziaria di Confartigianato - ha messo in luce il responsabile Riccardo Cappelli  - si propone come partner per affrontare i vari aspetti della gestione finanziaria di una piccola e media impresa con una molteplicità di strumenti: dallo start-up iniziale, agli investimenti, alle necessità di liquidità ordinaria, offrendo alle imprese associate prima di tutto consulenza, oltre ad una pluralità di strumenti tecnici in costante confronto con i vari attori (istituzioni, banche, confidi) per offrire soluzioni immediatamente operative”. Cinzia Cimatti della Camera di Commercio Romagna ha illustrato il quadro dei
prestiti bancari alle imprese che non è soddisfacente per le piccole e micro aziende, dal momento che si è ristretto del 6% nel 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre sono cresciuti quelli alle imprese di maggiori dimensioni. Delle opportunità di finanza agevolata a sostegno dello sviluppo
sostenibile hanno trattato relatori del Ministero dello Sviluppo economico. Durante l'evento è stato celebrato il 50° dalla fondazione della a cooperativa di garanzia Confartigianato Fidi Forlì-Cesena, entrata a far parte di Confidi Systema!“.

“Confartigianato - ha messo in luce il segretario Stefano Bernacci - con la sua cooperativa Confidi Sistemi! ha concorso già direttamente all’accesso al credito nel 2022 per un milione di euro soddisfacendo con i suoi molteplici strumenti una platea di 700 imprese territoriali”. “Siamo contenti della collaborazione che da circa un anno ci vede al fianco di Confartigianato Cesena - ha sostenuto il direttore generale di Confidi Sistema! Andrea Bianchi - nel supporto alle esigenze di credito
delle imprese locali. Stiamo gestendo sulla piazza 15 milioni di finanziamenti e Forlì-Cesena è la decima provincia più importante per numero di associati di Confidi Systema!, presente oggi in 104 province con circa 70mila imprese. La scelta di valorizzare la storia e l’esperienza locale abbracciando il progetto Confidi Systema! oggi consente di disporre di una offerta di finanza più adeguata ai fabbisogni emergenti e in continua evoluzione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' emergenza liquidità per le piccole imprese, Confartigianato: "I prestiti bancari sono in calo del 6%"

CesenaToday è in caricamento