menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Detto, fatto!": i bambini di Cesenatico vivono una esperienza da artigiani

Nel territorio i laboratori proseguiranno anche nel Rubicone, con il coinvolgimento di altri ragazzi e di altri imprenditori locali

Nel corso di quest’anno saranno oltre 500 i ragazzi di Cesenatico a vivere una esperienza di artigianato presso la loro scuola primaria, grazie al progetto "Detto, fatto!", organizzato da Cna Formazione Forlì-Cesena e Cna area Est Romagna. Per il quarto anno di seguito i ragazzi ospitano presso la loro scuola un artigiano che, munito delle attrezzature, fa vivere loro una vera e propria esperienza di artigianato, che va al di là del semplice laboratorio, perché consente di toccare con mano il valore del “saper fare artigiano”.

In particolare, saranno due le tipologie di laboratorio, una legata alle pelli, in cui i bambini toccheranno e vivranno il materiale principe del distretto del calzaturiero, producendo braccialetti, sotto la guida esperta dell’artigiano Marco Gabbanini, di Bagnarola di Cesenatico (by Marco). L’altro laboratorio riguarderà la realizzazione di borse di tela stampate ruggine, sotto la guida di Roberta Braghittoni, titolare dell’omonima stamperia di Cesenatico. Lunedì mattina i ragazzi delle classi quarta A e B della scuola primaria Ricci e Ortali di Villalta, in occasione del laboratorio con Gabbanini, hanno anche ricevuto la visita del sindaco Matteo Gozzoli, che ha voluto salutarli e vivere con loro questa esperienza.

“Su quasi 26.000 abitanti - sottolinea il sindaco Gozzoli - a Cesenatico esistono circa 2.800 imprese, per la maggior parte di piccole o piccolissime dimensioni. Da ciò si capisce quanto il fare impresa sia presente nella nostra comunità ed iniziative come questa consentono ai ragazzi di toccare con mano cosa significhi fare l’imprenditore". "Puntiamo fortemente su questo progetto – ricorda Roberto Nini, presidente di Cna Formazione e membro della presidenza di Cna Est Romagna – perché consentire a migliaia di ragazzi in tutta la nostra provincia di vivere per qualche ora l’emozione di “fare l’artigiano”; significa seminare la consapevolezza di quanto possa essere emozionante “produrre con la testa e con le mani"". Nel territorio i laboratori proseguiranno anche nel Rubicone, con il coinvolgimento di altri ragazzi e di altri imprenditori locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento