Tariffa rifiuti, indagine di Confartigianato sui costi: "La Tari comincia a calare, ma serve molto di più"

Il Centro Studi della Confartigianato di Cesena, a fianco delle imprese nelle loro legittime richieste, ha aggiornato anche per il 2018 l’indagine sullo stato di applicazione della tassa sul servizio di gestione rifiuti

"Le imprese chiedono tariffe più basse e più eque per quanto riguarda la Tari". Il Centro Studi della Confartigianato di Cesena ha aggiornato anche per il 2018 l’indagine sullo stato di applicazione della tassa sul servizio di gestione rifiuti, pagata dalle principali categorie d’impresa nel comprensorio cesenate. "C’è ancora molto da fare, ma qualche segnale si intravvede, grazie al lavoro di pressione di Tanti anni: la Tari comincia finalmente a calare in alcuni Comuni grazie dalle politiche messe in atto in termini di recupero degli insoluti e dell’evasione, e dal miglioramento della raccolta differenziata, che limita i costi di smaltimento - evidenziano dall'associazione degli artigiani -. Cambio di rotta in alcuni Comuni rispetto al 2017 (Savignano con diminuzioni dell’11%, Cesena del 3%, Gatteo 3%, Verghereto 4,5%, Sarsina e Mercato Saraceno con diminuzioni inferiori all’1%, mentre sostanzialmente invariate, le tariffe sono rimaste a Gambettola, leggeri aumenti sotto l’1% sono scattati a Cesenatico, San Mauro Pascoli, Roncofreddo e Bagno di Romagna. Aumenti del 1% invece a Longiano, del 4-5% a Borghi, del 7% a Montiano. Gli incrementi più significativi si registrano a Sogliano(18%). Ha influito in questa dinamica l’attività di accertamento attivata da molti Comuni per il recupero dell’elusione-evasione del tributo".

Ma le imprese chiedono molto di più. "E’ evidente che la riduzione dei costi del servizio sarà quantificabile solo a conclusione dell'assegnazione della gara - viene aggiunto -. Si otterranno finalmente gli sgravi auspicati se saranno realizzate le condizioni per pagare di meno il gestore assegnatario (fino ad ora Hera), e quindi se rispetto ai Comuni che hanno scelto la modalità In-House del servizio, ci saranno dei vantaggi o meno". Passando alla raccolta differenziata, è aumentata in tutti i comuni comprensoriali tranne Borghi, ma con percentuali ancora lontane rispetto agli obiettivi della legge regionale e del Piano d’Ambito, ma con una media che passa dal 36% al 39,28% (nell’intera Provincia è del 56,40%).Le performances migliori sono quelle dei Comuni di Gatteo (da 49% a 61,50%), Savignano (dal 47,30 a 52,50% ), Cesena (da 60,20 a 63,80%) e Mercato Saraceno (da 34,60% a 42,40%), che hanno attivato servizi di raccolta porta a porta o hanno ridefinito le modalità organizzative del servizio. "Per un miglioramento più esteso pesa il mancato decollo del nuovo servizio tramite la gara di appalto, che deve essere ancora assegnata dopo la gara bandita da Atersir Quanto ai generale i quantitativi dei rifiuti prodotti nel comprensorio sono diminuiti di 230 tonnellate rispetto all’anno precedente", sottolinenano da Confartigianato.

Per quanto riguarda la ripartizione del costo del servizio, "la quota a carico delle utenze extra-domestiche aumenta, purtroppo nella media, dal 36,48% al 38,66%, in controtendenza rispetto alle richieste del mondo economico. Alcuni Comuni hanno comunque diminuito la quota richiesta (Sa .Mauro Pascoli da 51 a 50%, Bagno di Romagna da 53 a 50%, Sarsina da 29 a 28%. L’aumento della media è dovuto soprattutto ai Comuni di Montiano ( da 3 al 20%, e Verghereto dal 12 al 32%), Comuni peraltro con un numero d’imprese molto basso. Ha influito in questa dinamica l’attività di accertamento attivata da molti Comuni per il recupero dell’elusione-evasione del tributo. Ora occorre realizzare economie di costo del servizio, che si attendono dai risultati della gara di appalto. Nonostante gli investimenti previsti per il nuovo servizio di porta a porta che dovrà realizzare il gestore, a cui verrà assegnato il servizio, l'auspicio è che l'apertura del mercato, perseguita con la nuova gara d'appalto, consenta maggiori margini di efficientamento e riduca veramente i costi del servizio".

"Per l’omogeneità tariffaria tra i Comuni, purtroppo nessun passo avanti - viene rimarcato -. In merito al lavoro di semplificazione delle regole ed alla loro uniformità,  positiva risposta dei sei Comuni dell’Unione Valle del Savio, che hanno allineato il regolamento, mentre i 9 dell’Unione Rubicone e Mare, non sono riusciti per il 2018 a trovare soluzioni condivise. Problemi permangono per gli accertamenti che riguardano le imprese con superfici miste per i locali e le aree a deposito, che in alcuni casi vengono ritariffati con la categoria dell’attività prevalente dell’impresa, con evidenti aggravi tributari. Il Piano d’ambito traguarda l’obiettivo della tariffazione puntuale al 2020, ma al momento non sono ancora partiti i servizi previsti dalla Gara d’ambito, che deve essere ancora assegnata, e che prevede servizi di raccolta domiciliari più spinti (porta a porta)". Le richieste di Confartigianato sono "uniformità dei regolamenti comunali della Tari su regole uniformi, numero rate e scadenze di pagamento, domiciliazione dei pagamenti e scontistiche; nella ripartizione dei costi del servizio non superare il 40% a carico delle utenze extra-domestiche; gestione degli insoluti per non penalizzare gli utenti virtuosi che pagano; contenimento, arresto e possibilmente diminuzione degli aumenti tariffari, in prospettiva definizione di una tariffa puntuale, di natura corrispettiva, per consentire alle imprese la deduzione dell’Iva".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento