rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Economia

Segnali positivi dal mondo del lavoro, imprese dinamiche: la disoccupazione giovanile scende al 10%

Gli occupati in provincia di Forlì-Cesena, nel secondo trimestre 2022, sono 175mila, stabili in termini annui

I dati Istat relativi alle forze lavoro nel secondo trimestre dell’anno in corso, elaborati dal gruppo uffici studi delle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna, mostrano, rispetto allo stesso periodo del 2021, una situazione in netta ripresa nel territorio Romagna – Forlì-Cesena e Rimini, con una crescita del tasso di occupazione e, soprattutto, una decisa diminuzione del tasso di disoccupazione. I dati relativi nel secondo trimestre 2022 (media annua trimestrale) per la provincia di Forlì-Cesena presentano dinamiche in miglioramento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

A parte il calo del tasso di attività (15-64 anni) di 0,5 punti percentuali (72,3% ad aprile-giugno 2022), diretta conseguenza della diminuzione delle forze lavoro nel complesso (-1,9%), si assiste ad un aumento di 1,0 punti del tasso di occupazione (15-64 anni) (da 68,4% nel secondo trimestre 2021 a 69,4% nel secondo trimestre 2022) e, contestualmente, ad un decremento di 1,9 punti del tasso di disoccupazione (da 5,8% nel secondo trimestre 2021 a 3,9% nel secondo trimestre 2022). Nel confronto con Emilia-Romagna e Italia, il tasso di occupazione è più alto del dato regionale (69,1%) e nazionale (59,6%) mentre il tasso di disoccupazione risulta inferiore sia alla media regionale (5,1%) sia al dato nazionale (8,6%).

Buona la crescita annua secondo trimestre 2022-2021 del tasso di occupazione femminile (+2,7 punti percentuali), che si attesta al 62,3%, mentre risulta in lieve calo quello maschile (-0,9 p.p., 76,5%). Riguardo al tasso di disoccupazione, inoltre, pur in calo per entrambi i generi, quello femminile vede diminuire sensibilmente il divario con quello maschile: nel periodo aprile-giugno 2022, infatti, troviamo “solo” 1,4 punti percentuali di differenza tra i due generi (3,3% maschi, 4,7% femmine) rispetto a 3,1 punti percentuali di margine nel periodo aprile-giugno 2021 (4,4% maschi, 7,5% femmine).

Positivi, in termini di confronto annuo, anche i risultati fatti conseguire dal tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni), che passa dal 24,3% nel secondo trimestre 2021 al 10,1% nel secondo trimestre 2022. Gli occupati in provincia di Forlì-Cesena, nel secondo trimestre 2022, sono 175mila, stabili in termini annui; incrementi si riscontrano per le costruzioni (+19,4%, 7,8% del totale degli occupati), i settori commercio e turismo (+10,5%, 22,6%) e lievemente, gli altri servizi (+0,5%, 41,5%), mentre calano gli addetti in agricoltura (-26,9%, 6,9%) e nell’industria in senso stretto (-5,0%, 21,2%). I disoccupati, in termini assoluti, risultano 7mila, in forte calo tendenziale (-32,9%).

“Rispetto ad un anno fa i dati sono certamente in miglioramento, con il livello dell’occupazione ritornato sui valori antecedenti la pandemia - commenta Carlo Battistini, presidente della Camera di commercio della Romagna -. Nella prima parte dell'anno il tessuto economico ha risentito solo parzialmente degli effetti negativi dovuti all’inflazione e al rincaro dei costi energetici, per cui le imprese hanno mostrato dinamismo quanto a ricerca di personale. Va evidenziato, però, che, secondo quanto emerge dal Rapporto 2022 sul mercato del lavoro presentato dal Cnel, il miglioramento degli indicatori del mercato del lavoro è dovuto, non solo alla crescita degli occupati, ma anche alla diminuzione della popolazione, in particolare in età lavorativa".

"Inoltre, la riduzione della disoccupazione, da una parte si affianca a un ampio ricorso a varie forme di orario ridotto, con casse integrazioni e part-time - continua Battistini -. Dall’altra, per paradosso, si accompagna all’aumento del fenomeno del mismatch tra domanda e offerta, con una forte crescita delle difficoltà di reperimento delle figure professionali ricercate dalle imprese. La Camera della Romagna è particolarmente attenta al tema lavoro e agisce sia sulla domanda, sia sull’offerta. Per la prima, lavorando sui fattori abilitanti, anche con iniziative dirette per rendere il tessuto produttivo sempre più resiliente, competitivo e innovativo e in grado di esprimere una domanda di lavoro sempre più ampia e qualificata. Per quanto riguarda l’offerta, lavorando sul tema "competenze, orientamento, formazione e supporto al placement". Innovativo e distintivo è anche l'approccio al tema da parte della Camera che ha visto, con la realizzazione del Portale lavoro, la valorizzazione della dimensione della partecipazione nella logica di sviluppo degli strumenti strategici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segnali positivi dal mondo del lavoro, imprese dinamiche: la disoccupazione giovanile scende al 10%

CesenaToday è in caricamento