Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

Si allevia la crisi del commercio. A soffrire di più è il settore alimentare

Le vendite sono diminuite del 4,8 per cento. Al 30 giugno 2013 le imprese attive nel dettaglio erano 47.894 cioè 221 in meno (-0,5 per cento) rispetto ad un anno prima

Le vendite sono diminuite del 4,8 per cento. Al 30 giugno 2013 le imprese attive nel dettaglio erano 47.894 cioè 221 in meno (-0,5 per cento) rispetto ad un anno prima. Maggiori difficoltà per le vendite degli esercizi specializzati alimentari (-6,1 per cento) e non alimentari (-5,5 per cento). Consumi ancora in caduta nel secondo trimestre 2013. Tuttavia le vendite, diminuite del 4,8 per cento rispetto all’analogo periodo del 2012, sono calate meno rispetto al trimestre precedente (-7,9 per cento).

Questa l’indicazione principale che emerge dall’indagine congiunturale sul commercio al dettaglio realizzata in collaborazione tra Camere di commercio, Unioncamere Emilia-Romagna e Unioncamere. L’effetto di questo parziale rallentamento della caduta ha condotto ad un alleggerimento delle giacenze. La quota delle imprese che le giudicano eccedenti si è ridotta al 12,3 per cento, il livello minimo degli ultimi 15 mesi.

Le tipologie Le vendite al dettaglio specializzato in prodotti alimentari hanno incontrato le maggiori difficoltà (-6,1 per cento), ma non sono andate meglio quelle del dettaglio specializzato in prodotti non alimentari, -5,5 per cento. La tendenza negativa interessa anche le vendite di prodotti alimentari e non, degli ipermercati, supermercati e grandi magazzini, che hanno comunque ulteriormente contenuto la diminuzione allo 0,4 per cento.

La dimensione delle imprese L’andamento delle vendite continua a mostrare una forte correlazione con la dimensione aziendale, con una specie di effetto soglia. È stato pesante per la piccola (da 1 a 5 addetti) e media (da 6 a 19 addetti) distribuzione, (-6,8 e -6,0 per cento rispettivamente), mentre le imprese di maggiore dimensione, da 20 addetti in poi, hanno subito la flessione più contenuta degli ultimi cinque trimestri (-1,4 per cento).

Il registro delle imprese Le imprese attive nel commercio al dettaglio al 30 giugno 2013 erano 47.894. Rispetto ad un anno prima sono leggermente diminuite (-0,5 per cento, 221 unità), a fronte di una sostanziale stabilità a livello nazionale (-0,2 per cento). Sono le società di persone e le ditte individuali a determinare la riduzione, più duramente colpite anche dalla restrizione del credito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si allevia la crisi del commercio. A soffrire di più è il settore alimentare
CesenaToday è in caricamento