Da 30 anni insieme gestiscono il ristorante: "Una missione". E la figlia aprirà un forno

Il ristorante longianese è stato riconosciuto per l'ennesima volta dalla Guida Michelin tra i ristoranti "Bib Gourmand" d'Italia

"Prima era un lavoro, ora è una passione". E' questo che pensa Teresa dopo 31 anni di gestione, insieme al marito Danilo, del ristorante di Longiano "Dei Cantoni", riconosciuto per l'ennesima volta dalla Guida Michelin tra i ristoranti "Bib Gourmand" d'Italia, ovvero con il miglior rapporto qualità/prezzo.

"Io avevo 25 anni e mio marito 27 quando abbiamo deciso di aprire un locale nostro - spiega Teresa - Lui aveva esperienza in cucina e io in sala. All'inizio non è stato facile anche perché avevamo due bambine. Però rifarei tutto daccapo. Siamo molto soddisfatti di ciò che abbiamo creato. Avere un ristorante è un po' come una missione, quando gli altri fanno festa si lavora. Non si riesce mai a far festa insieme ai propri figli e, soprattutto, quando i bambini sono piccoli le rinunce diventano un  po' una sofferenza. Però è un lavoro che regala moltissimo. S'incontrano tante belle persone, e poi per me non ha prezzo vedere le persone che stanno bene alla mia tavola".

E' talmente autentico il piacere di dispensare felicità per Teresa e Danilo che è stato un gioco da ragazzi trasmetterlo anche alla figlia più grande che tra poco aprirà un forno nel centro storico di Longiano. "Il pane che prima faceva per noi, con farine antiche e prodotto con lievito madre, ora lo farà anche nel suo forno e lo venderà singolarmente - spiega la madre - Sono molto orgogliosa della sua scelta perché si inserisce un po' nel solco del nostro stile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno stile che, oltre a tenere d'occhio le tradizioni romagnole e la buona qualità dei prodotti, si preoccupa anche dell'atmosfera che si respira nel ristorante. "La nostra filosofia è favorire la convivialità mantenendo alta la qualità dei piatti - conclude Teresa - e per questo non possiamo essere un ristorante d'élite, dobbiamo lavorare con tutti i tipi di portafogli. Per questo motivo essere inseriti tra i 'Bib Gourmand' ci fa molto piacere, perché rispecchia proprio la nostra filosofia. Non a caso siamo nell'elenco da una ventina di anni. Siamo sempre noi, coi nostri tortellacci conditi e ripieni a seconda della stagione, con la crema di mascarpone servita con croccante e crema chantilly, con la tagliata di controfiletto condita con formaggio di fossa e pomodorini caramellati. Piatti questi che è diventato impossibile togliere dal menù perché ormai sono diventati cavalli di battaglia. Siamo sempre noi ma, soprattutto, abbiamo capito che vogliamo continuare così". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento