La crisi torna a picchiare duro, per le piccole e medie imprese sarà un 2014 nero

Nella provincia di Forlì-Cesena la crisi si riacutizza e il 2014 si apre con una ulteriore e più decisa diminuzione tendenziale del fatturato complessivo

Tra le piccole imprese dell’Emilia Romagna sorridono solo quelle in rete. Lo si evince dai dati dell’Osservatorio TrendER e del progetto “Distretti 2”, presentati mercoledì in un convegno da Cna Emilia Romagna a Bologna. La nostra regione è la seconda in Italia per numero di contratti di rete, sono 1.107 le imprese che hanno utilizzato questa nuova forma di aggregazione, solo la Lombardia fa meglio con 1.997 imprese. I benefici del fare network tra imprese sono invece testimoniati dai risultati del progetto “Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici 2” avviato nel 2011 da diversi soggetti, tra cui Cna Innovazione, col finanziamento della Regione Emilia Romagna e il Ministero dello Sviluppo Economico.
 

Questo progetto ha prodotto 93 nuove reti che hanno coinvolto complessivamente 281 imprese, di cui 118 micro e piccole aziende. Questa iniziativa ha consentito l’assunzione di quasi 300 ricercatori e ricercatrici nelle imprese delle reti, dei quali 170 con contratti non occasionali. Le reti sono nate praticamente in tutti i settori, per quanto riguarda le province, 85 le imprese modenesi che hanno partecipato al progetto, 81 quelle di Bologna, 42 di Reggio Emilia, 34 di Ravenna, 31 di Forlì Cesena, 23 di Rimini, 17 di Parma, 14 di Piacenza, 11 di Ferrara.
 

Ma di buone notizie per le piccole imprese dell’Emilia Romagna non ce ne sono altre nel 2014. Per le imprese con meno di 20 addetti il primo semestre 2014 segna l’aggravarsi della crisi, tutti gli indicatori registrano decise diminuzioni nel confronto col primo semestre 2013: il fatturato complessivo cala dell’8,6%, quello estero del 21,1%, quello interno dell’8,3%, quello per conto terzi del 10,2%. E’ la rilevazione di TrendER, l’Osservatorio regionale realizzato da Cna Emilia Romagna e Federazione regionale delle Banche di Credito Cooperativo. Dal 2008, anno in cui è esplosa la crisi, quelli del 2014 sono i dati peggiori.
 

La rilevazione vede un rallentamento anche sugli investimenti, che fanno segnare un -1.3%. Di particolare intensità la diminuzione degli investimenti in macchinari (-47,5%). Il riacutizzarsi della crisi per le micro e piccole imprese della regione si conferma nelle dinamiche delle voci di costo: calano le spese per le retribuzioni (-10,9%) con una brusca interruzione alla crescita registrata nel corso del 2013. Calano per il terzo semestre consecutivo le spese per i consumi (-7,0%) e anche quelle per la formazione (-7%).
 

La nuova forte perdita tendenziale di fatturato coinvolge tutte le diverse tipologie di attività, nessuna esclusa. Più decisamente perdono la manifattura (-10,1%) e le costruzioni (-9,3%), ma anche i servizi (-5%). Il sistema moda e la meccanica registrano le cadute più decise (rispettivamente -14,3% e -10,9%). Il legno mobile riprende a perdere fatturato (-4,3%) dopo la pausa di fine 2013. Le produzioni alimentari perdono il 5% del fatturato, rallentando però il ritmo dei tre semestri precedenti. Nell’ambito dei servizi, quelli a persone e famiglie perdono il 7%, le riparazioni dei veicoli il 7,1% e i trasporti “solo” il 3,7%.
 

Fatturati in positivo solo per due delle nove province emiliano romagnole: Ferrara (+8,5%) e Piacenza (+0,8%). L’area più colpita è Rimini che tra il 2011 e il 2013 ha perso 23 punti, e anche in questo 2014 fa segnare un -11,5%. Bologna è la provincia che nel primo semestre 2014 fa segnare la performance peggiore col -15,2%, Forlì Cesena – 12,3%, Parma -10,5%, Reggio Emilia -8,3%, Modena -6,45 e Ravenna -1,8%.
 

"Da questa nostra indagine - ha commentato Paolo Govoni, Presidente Cna Emilia Romagna - emerge con chiarezza come la crisi per le piccole imprese della regione non sia per nulla conclusa. C'è un'assoluta urgenza di intervenire per cambiare questo trend negativo, gli interventi prioritari sono quelli che abbiamo già indicato ai candidati alla Presidenza della Regione: finanziamento dei Consorzi fidi per agevolare l'accesso al credito, semplificazioni contro la burocrazia, fondi europei per favorire l'innovazione delle piccole imprese, mercato degli appalti che non penalizzi i piccoli. Non si può aspettare che la crisi passi da sola, occorre agire e in fretta. Il buon risultato delle reti d'impresa dimostra che esistono strategie per invertire la rotta e Cna sta sostenendo le imprese che intendono percorrere queste strade".
 

Nella provincia di Forlì-Cesena la crisi si riacutizza e il 2014 si apre con una ulteriore e più decisa diminuzione tendenziale del fatturato complessivo, che passa da -7,4% nel secondo semestre 2013 a -12,3% nel primo semestre 2014. A differenza dei tre semestri precedenti, la diminuzione del fatturato in conto terzi (-10,5%) è meno decisa di quella del fatturato complessivo. Gli investimenti registrano un crollo (-48,8% quelli complessivi) e il loro indice di livello cade a 29,1, nuovo punto di minimo dall’inizio della crisi. Tornano a calare anche le spese per retribuzioni (-9%) mentre continuano a ridursi a ritmo deciso le spese per consumi (-14,7%).

Il nuovo aggravarsi della crisi riguarda tutti e tre i macrosettori considerati ma più intensamente le manifatture dove il primo semestre 2014 registra una diminuzione di fatturato (-12,3%) che interrompe il processo di ripresa del 2013. La perdita di fatturato è ancora superiore per le costruzioni (-17%) e nel terziario sfiora l’8%. La perdita di fatturato del manifatturiero riguarda tutti i settori: nella meccanica pone fine alla ripresa avviata già a fine 2012, nel legno mobile inverte nuovamente la tendenza positiva di fine 2013, nel sistema moda prosegue la tendenza negativa avviatasi fin da inizio 2012. Anche nel terziario, la condizione di diminuzione del fatturato è generalizzata e resta più decisa nel settore dei servizi a famiglie e persone (-9,8%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento