I morsi della crisi addentano anche la carne: flessione del 20%

I morsi della crisi addentano anche la carne. Flessione di vendite del 15-20% per le macellerie cesenati, a causa del ridotto potere d'acquisto delle famiglie: è quanto emerge da un sondaggio effettuato a luglio dall'Osservatorio Confcommercio cesenate sulle macellerie comprensoriali

I morsi della crisi addentano anche la carne. Flessione di vendite del 15-20% per le macellerie cesenati, a causa del ridotto potere d'acquisto delle famiglie: è quanto emerge da un sondaggio effettuato a luglio dall'Osservatorio Confcommercio cesenate sulle macellerie comprensoriali. "Il fenomeno del ridimensionamento è generale - osserva il presidente di Federcarni Confcommercio Edgardo Ricci (coordinatrice Meris Casalboni) - tuttavia le macellerie-gastronomie nostre aderenti (una cinquantina nel comprensorio) riescono a mantenere i livelli occupazionali. Più venduta la carne bianca, in calo quella rossa, la sensazione generale è che siano diminuiti i quantitativi acquistati, anche se il rapporto fiduciario tra clienti e macellai resta saldo. Di converso, acquista peso il fatturato della gastronomia con i pronti a cuocere: d'estate vanno per la magigore i piatti freschi. Le vendite della gastronomia ormai ammontano al 25%-30% del fatturato complessivo".

“Le famiglie cesenati continuano comunque a consumare in media carne tre volte alla settimana - dice Ricci -, ma lo zoccolo duro dei clienti viene inmacelleria tutti i giorni: fra questi anche giovani e sportivi, sempre più attenti alla dieta alimentare. La ricerca della qualità è inalterata: la carne venduta nelle macellerie cesenati è rigorosamente italiana, proveniente per lo più dal nostro territorio dove gli imprenditori macellai acquistano i capi e seguono direttamente tutte le fasi che conducono alla vendita della fettina in negozio. Questo è il nostro valore aggiunto.  Il primo biglietto da vista di una macelleria è la bontà della carne venduta, che deve essere al di sopra di ogni sospetto".

“Federcarni cesenate – prosegue Ricci - è interessata al progetto di sostegno ai negozi di quartiere che il Comue eaveva avviato un paio di anni fa e che deve concretizzarsi, visto che le macellerie fungono anche da presidi sociali e negozi di quartiere in tutta la periferia. Nei piccoli centi il macellaio funge da presidio sociale, ci sono ancora negozi dove si segna e si paga a fine settimana o fine mese".

Continua Ricci: "Come sindacato proseguiamo intanto la nostra attività con iniziative su tre versanti: promuovere la fidelizzazione dei clienti mettendo in luce genuinità e prelibatezza della carne venduta; intensificare le attività di aggiornamento (a a breve si terranno due seminari formativi con dimostrazioni pratiche nell macelleria Mille Carni) con iniziative formative presso botteghe e macellerie innovative nei principali centri italiani, sulla falsariga di iniziative che già ci hanno condotto in varie città italiane, fulcro di visite didattiche molto formative; promuovere la carne romagnola come prodotto che valorizza l’immagine del territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre -chiude Ricci - Federcarni è impegnata in iniziative nel territorio, essendo i macellai gastronomi radicati nei nostri comuni comprensoriali nei quali sono impegnati a promuovere occasioni di condivisione e coesione sociale. In particolare Federcarni è molto sensibile ai temi della solidarietà ed è lieta di contribuire a manifestazioni per aiutare i più bisognosi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento