Emergenza lavoro, le proposte di Cna: "Occorrono progetti integrati di sistema"

Il tema del lavoro è entrato pienamente nel confronto politico programmatico di Cesena. "Non poteva essere altrimenti, visto che anche il nostro territorio sta scontando i pesantissimi segni della crisi"

Il tema del lavoro è entrato pienamente nel confronto politico programmatico di Cesena. "Non poteva essere altrimenti, visto che anche il nostro territorio sta scontando i pesantissimi segni della crisi: a Cesena si contano oltre 8.000 disoccupati - esordisce Roberto Sanulli, responsabile Cna Cesena Val Savio -. Lavoro e occupazione rappresentano la priorità e la maggiore preoccupazione per tantissime famiglie".

L'auspicio di Sanulli "è che la discussione si allarghi coinvolgendo anche le altre istituzioni territoriali, per cercare di fornire soluzioni di sistema a un problema drammatico che, in ogni caso, deve trovare risposta nelle scelte di governo, a partire dal taglio del cuneo fiscale. Aumenta la disoccupazione, e allo stesso tempo cresce sensibilmente anche il ricorso agli ammortizzatori sociali: da una nostra rilevazione emerge che il 50% delle imprese con dipendenti fa ricorso alla cassa integrazione coinvolgendo il 45% delle maestranze".

Continua il responsabile Cna Cesena Val Savio: "Vi è un altro dato che va valutato con grande attenzione, soprattutto perché coinvolge le generazioni più giovani. Osservando l’andamento occupazionale nelle nostre imprese associate, nei primi nove mesi del 2013 (rispetto all’analogo periodo del 2012) cala significativamente il numero delle nuove assunzioni (-12%), ma ciò che è ancora più preoccupante, calano del 26% le assunzioni dei giovani fino a 29 anni e del 39% le assunzioni degli apprendisti. I giovani fino a 29 anni rappresentano il 30% delle nuove assunzioni e gli apprendisti appena il 7%".

Sanulli parla di dati "purtroppo coerenti con l’aumento della disoccupazione giovanile registrato a livello nazionale e che richiedono un’interpretazione delle nuove dinamiche del mercato del lavoro, sul come favorire l’incrocio fra domanda e offerta, mettendo in campo azioni di supporto concrete, a partire dai percorsi formativi finalizzati ai profili professionali più richiesti dal sistema imprenditoriale. Il pacchetto messo a punto dall’Amministrazione, e discusso in Consiglio comunale, va inteso come punto di partenza, migliorabile in corso d’opera, grazie al supporto che dovrà fornire l’attività del tavolo di confronto che presto si insedierà". 

Secondo Sanulli "è necessario mantenere un faro acceso sul problema cercando, nel contempo, di attivare tutte le sinergie possibili per rafforzare un sistema che, anche da noi, sta scontando il logorio derivante da oltre cinque anni di crisi. Ci sono diverse questioni che il tavolo di confronto dovrà affrontare, attraverso le quali costruire le condizioni per favorire la ripresa dell’economia del nostro territorio, in particolare: la sburocratizzazione delle procedure, la riduzione della tassazione locale, l’accesso al credito e l’avvio di progetti concreti per lo sviluppo".

Occorre "snellire la burocrazia; porsi obiettivi ancora più ambiziosi per rendere l’Amministrazione più “amica” delle imprese. Serve ridurre ulteriormente i tempi di risposta e omogeneizzare i regolamenti e le procedure fra i Comuni; in particolare occorre riservare corsie preferenziali a quelle imprese portatrici di progetti di crescita, anche occupazionale". Inoltre è necessario "ridurre la tassazione locale; pur in quadro ancora incerto della fiscalità locale, occorre sgravare le imprese a partire dall’IMU sugli immobili produttivi che, a Cesena, è stato applicato al massimo consentito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto concerne l'accesso al credito, "è necessario mantenere l’impegno a sostenere l’attività dei Consorzi fidi oltre ad attivare un monitoraggio dell’attività degli istituti di credito locali". Infine "favorire l’avvio del progetto di “rigenerazione urbana” per la riqualificazione del patrimonio edilizio più obsoleto. Si può così avviare un processo virtuoso orientato a favorire una migliore qualità dell’abitare, assicurando nuove opportunità di lavoro ad un comparto che risente più di altri la difficle situazione economica che il Paese attraversa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento