Costi della neve: "Attingere alle risorse dei ministeri"

Il presidente della Provincia, Massimo Bulbi: "Ci sono tre categorie di costi su cui si dovrà intervenire: il primo sono i costi dell'emergenza, che è durata dai 12 ai 15 giorni

Non si ferma il dibattito sulla neve. Ancora lunedì in consiglio provinciale il presidente della Provincia, Massimo Bulbi: “Ci sono tre categorie di costi su cui si dovrà intervenire: il primo sono i costi dell’emergenza, che è durata dai 12 ai 15 giorni. Per questi costi siamo a circa 16-20 milioni di euro. Solo per far arrivare le turbine abbiamo dovuto sottoscrivere impegni finanziari. Poi ci sono danni al patrimonio pubblico, come strade, edifici pubblici, scuole: per il momento siamo a stime in via presuntiva, ma è evidente che saranno molto alti”.

“Basta guardare come sono messe alcune strade, al limite della praticabilità. - insiste Bulbi - Questi costi potrebbero ammontare a 44 milioni circa, di cui 10,5 milioni sul patrimonio della Provincia. Infine, c’è la terza parte: i danni dei privati, da suddividere tra agricoltura e altre imprese. Per quanto riguarda l’agricoltura siamo a circa 24 milioni di euro, solo per le strutture, senza cioè contare i capi di allevamento morti e la mancata produzione ortofrutticola. I danni alle imprese non agricole ammontano a 50,8 milioni di euro, di cui 10 milioni di danni alle strutture e il resto di mancato reddito. L’unica certezza che abbiamo per ora è la copertura delle spese dell’emergenza, ma anche qui con un impegno che è una ‘pacca sulle spalle’. - continua - Paradossalmente, la nostra capacità di fare rete, di evitare che ci siano stati dei morti, il nostro essere bravi, alla lunga non è premiante per il territorio e arriva perfino a frenare le risorse che servono. Nella ristrettezza generale di risorse ci possono essere capitoli di spesa già previsti per alcuni Ministeri,  che potrebbero essere usati per quest’emergenza piuttosto che per altri progetti. Su questi dobbiamo lavorare. Per esempio abbiamo inviato alla Soprintendenza una lista con l’indicazione degli edifici storici e di valenza culturale che sono rimasti danneggiati, in vista della visita che effettuerà a breve il sottosegretario ai Beni Culturali  nelle province di Forlì-Cesena, Rimini e Pesaro. Anche sul turismo ci possono essere delle risorse ministeriali. Dobbiamo riuscire ad attingere a delle risorse già stanziate per i ministeri, se no ci ritroveremo alla fine solo con la copertura dell’emergenza”.
 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento