Economia

Contributi a fondo perduto per attività ricettive e turistiche: tutte le informazioni

Cna aiuta le imprese per la redazione dei progetti finalizzati ad ottenere gli incentivi previsti dal bando regionale in ambito turistico

Dal 17 luglio i consulenti di Cna sono a disposizione delle imprese dei settori ricettivo e turistico-ricreativo, che prevedono investimenti per riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento delle strutture e rinnovo delle attrezzature.

Sono beneficiari le piccole e medie imprese iscritte al registro delle imprese, che esercitano l’attività di strutture ricettive alberghiere, strutture all’aria aperta, stabilimenti e strutture balneari, stabilimenti termali e di pubblico intrattenimento.

Il contributo a fondo perduto, può arrivare fino ad un massimo del 25% della spesa, la quale non deve essere inferiore a 100.000 euro per alberghi, strutture all’aria aperta e stabilimenti balneari e a 80.000 euro per locali di pubblico intrattenimento. Il contributo, in ogni caso, non potrà eccedere l’importo massimo di 200.000 euro.

Sono ammessi interventi per riqualificazione e/o ristrutturazione edilizia in immobili esistenti e/o interventi di riqualificazione aziendale, rinnovo degli arredi, attrezzature e sistemi di gestione e spese per opere edili, murarie ed impiantistiche, acquisto di macchinari ed attrezzature, di dotazioni informatiche ed acquisizione di servizi di consulenza strettamente connessi al progetto.
Le domande di contributo dovranno essere presentate: 1^ finestra, dal 17 luglio al 13 agosto 2019; 2^ finestra, dal 15 ottobre al 3 dicembre 2019.
In caso di esaurimento delle risorse, il bando chiuderà anticipatamente con previsione del raggiungimento di 60 domande presentate per la 1^ finestra e di 150 per la 2^.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributi a fondo perduto per attività ricettive e turistiche: tutte le informazioni
CesenaToday è in caricamento