rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Economia

Confronti di medio e lungo periodo, calano le imprese in provincia: i settori che soffrono di più

Al 31 dicembre 2020 in provincia di Forlì-Cesena sono presenti 36.341 imprese attive, tutti i dati e i confronti di medio e lungo periodo

La Camera di commercio offre una analisi delle attività economiche in provincia di Forlì-Cesena nel 2020, con dati e confronti di medio e lungo periodo.

Al 31 dicembre 2020 in provincia di Forlì-Cesena sono presenti 36.341 imprese attive così ripartite nei principali settori economici: 21,8% commercio, 17,4% agricoltura, 15,3% costruzioni, 9,5% industria manifatturiera, 7,5% alloggio e ristorazione, 6,4% attività immobiliari, 4,9% servizi alle persone, 3,6% attività professionali e tecniche, 3,5% trasporti e 2,6% servizi alle imprese.
Sia nel medio, sia nel lungo periodo si rileva una diminuzione delle imprese attive provinciali: -4,0% rispetto al 2015 e -10,4% rispetto al 2010. Cali maggiori investono le imprese artigiane (32,3% del totale): -5,2% rispetto al 2015 e -14,6% rispetto al 2010.

Nel medio periodo ben 7 settori sui 10 principali registrano un calo delle relative imprese; la variazione negativa più alta spetta ai trasporti (-12,9%) a cui seguono i cali nell?agricoltura (-8,5%), nel manifatturiero (-8,0%), nel commercio (-6,5%), nelle costruzioni (-4,1%), nell?immobiliare (-1,7%) e nei servizi alle persone (-0,6%). In aumento i servizi alle imprese (+14,1%) e le attività professionali e tecniche (+8,8%) mentre è stabile l?alloggio e ristorazione (-0,1%). Nel lungo periodo sono 6 i settori caratterizzati da un decremento che risulta però più marcato; accanto al calo dei trasporti troviamo anche l?agricoltura (rispettivamente, -23,5% e -23,4%), a cui fanno seguito, nell?ordine, le costruzioni (-17,7%), il manifatturiero (-14,5%), il commercio (-9,4%) e l?immobiliare (-7,2%). Crescono, invece, i servizi alle imprese (+46,2%), le attività professionali e tecniche (+7,5%), i servizi alle persone (+3,0%) e alloggio e ristorazione (+2,7%).

Da evidenziare che, rispetto al 2010, l?agricoltura perde addirittura 3 punti percentuali in termini incidenza sul totale delle imprese, passando dal 20,4% al 17,4%, così come le costruzioni ne perdono 1,3 (dal 16,6% al 15,3%); guadagnano 1 punto, invece, sia l?alloggio e ristorazione (dal 6,5% al 7,5%) sia i servizi alle imprese (dall?1,6% al 2,6%).

Da rilevare anche come la diminuzione delle imprese attive sia imputabile alla flessione del numero delle imprese individuali (-6,4% sul 2015, -15,9% sul 2010) e società di persone (-10,0% sul 2015, -15,6% sul 2010) mentre aumentano le società di capitale sia nel medio periodo (+12,7%) sia nel lungo periodo (+19,1%). In calo anche le micro imprese (

L?analisi delle imprese per comuni offre due spunti interessanti; il primo è che 9 comuni sui 10 principali risultano in flessione nel medio periodo (eccetto Gatteo, +0,2%), il secondo è che tutti e 10 sono in diminuzione nel lungo periodo. Al 31/12/20 i dieci principali comuni, per numerosità delle imprese, risultano, nell?ordine: Forli (28,6%), Cesena (24,8%), Cesenatico (8,6%), Savignano sul Rubicone (4,3%), San Mauro Pascoli (2,9%), Forlimpopoli (2,7%), Bertinoro (2,5%), Gambettola (2,4%), Gatteo (2,4%) e Meldola (2,4%). Riguardo agli ambiti territoriali, la maggiore concentrazione di imprese si registra in quelli che ricomprendono località di pianura: Grandi Centri (Forlì, Cesena), con il 53,4%, Area del Basso Rubicone (Gambettola, Gatteo, Longiano, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone), con il 14,0%, e Comuni di Cintura (Bertinoro, Cesenatico, Forlimpopoli), con il 13,8%. In tutti e tre si hanno decrementi sia nel medio sia nel lungo periodo, inferiori comunque alle variazioni negative che caratterizzano tutte le altre vallate, comprendenti località collinari e di montagna; in tale contesto, risultano maggiormente penalizzate la Valle del Bidente (-6,5% rispetto al 2015, -16,5% sul 2010), la Valle del Rabbi (-5,5% rispetto al 2015, -16,0% sul 2010) e la Valle del Savio (-6,4% rispetto al 2015, -15,1% sul 2010).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confronti di medio e lungo periodo, calano le imprese in provincia: i settori che soffrono di più

CesenaToday è in caricamento