rotate-mobile
Economia

Confartigianato, sessanta imprenditori e dirigenti all'Assemblea nazionale con la Presidente del Consiglio Meloni

E’ stata una giornata all’insegna di un grande senso di appartenenza perché dopo anni di restrizioni per il Covid siamo tornati con la nostra presenza cesenate all’Assemblea nazionale, come è tradizione della nostra storia associativa”

"Nei prossimi anni vorremmo considerarci come artigiani dell’Italia, occupandocene con la stessa meticolosità, dedizione, pazienza e amore con cui un artigiano si occupa dei suoi prodotti”. Con queste parole il presidente del Consiglio Giorgia Meloni si è rivolta all’Assemblea di Confartigianato riunita a Roma ieri mattina, alla quale ha preso parte un folto gruppo di imprenditori e dirigenti di Confartigianato Federimpresa Cesena, guidati dal Gruppo di Presidenza (Stefano Ruffilli, Marcello Grassi e Daniela Pedduzza) e dal segretario Stefano Bernacci.

“E’ stata una giornata all’insegna di un grande senso di appartenenza – rimarca il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena – perché dopo anni di restrizioni per il Covid siamo tornati con la nostra presenza cesenate all’Assemblea nazionale, come è tradizione della nostra storia associativa”. Il premier Meloni ha risposto punto per punto alla relazione del presidente di Confartigianato Marco Granelli il quale ha offerto alla nazione il contributo della forza degli artigiani e delle micro e piccole imprese quali ‘costruttori di futuro’, anche per le nuove generazioni, confidando in un nuovo patto di fiducia tra lo Stato e le imprese, per lo sviluppo economico e sociale del nostro Paese. Fra i molteplici temi affrontati nella relazione del segretario nazionale Granelli gli appesantimenti amministrativi in materia di lavoro che si sommano alla Torre di Babele della legislazione fiscale: il caro energia, il fronte del lavoro  puntando sull’apprendistato “che deve diventare il principale canale di accesso dei giovani nel mondo del lavoro”, la ricerca di una soluzione per le imprese che hanno concesso lo sconto in fattura sui bonus edilizi.

Il presidente Meloni ha affermato di voler porre al centro la difesa del made in Italy, con un allegato ad hoc nella manovra dedicato alla sua tutela, e alla tutela della proprietà intellettuale, della lotta alla contraffazione. Sulla riduzione del costo del lavoro, Meloni ha sottolineato che “l’orizzonte della legislatura è un taglio del 5% almeno del cuneo fiscale: due terzi al lavoratore, un terzo all’azienda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato, sessanta imprenditori e dirigenti all'Assemblea nazionale con la Presidente del Consiglio Meloni

CesenaToday è in caricamento