menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato: "Riportare in centro le botteghe artigiane di servizio"

Da più tempo Confartigianato ha rimarcato che vanno individuati "spazi mirati per l'installazione di attività artigianali in modo da caratterizzare spazi di forte appeal

Gli artigiani di Confartigianato sostengono “il piano di zonizzazione delle attività in centro storico, per ottimizzare l'offerta distributiva e dei servizi, intrapresa in seno a Zona A di cui Confartigianato è parte attiva”. Lo scopo è di “rilanciare la presenza di botteghe artigiane e dell'artigianato di servizio nello specifico dentro il centro storico. Attività che furono in qualche modo espulse in una stagione ormai vetusta e superata in cui la programmazione urbanistica aveva scelto strade che invece oggi non sono reputate più efficaci e vincenti”: è quanto sostengono Pietro Manuzzi, presidente comitato comunale Confartigianato Cesena e Giampiero Placuzzi, vicesegretario Confartigianato Cesena.

Da più tempo Confartigianato ha rimarcato che vanno individuati “spazi mirati per l'installazione di attività artigianali in modo da caratterizzare spazi di forte appeal sulla stregua di quanto avviene in altre città italiane ed europee. Qui va rimarcato il fatto che ad oggi occorre assolutamente ridare vivacità e frequentazione ad un centro che, per tutta una serie di motivi (vari piani del traffico, dei parcheggi, della viabilità, con conseguente espulsione degli uffici, degli istituti di credito, dei centri direzionali, delle associazioni) viene unicamente vissuto e concepito come luogo dell’incontro e dello shopping del solo fine settimana e delle varie sagre paesane”.

“Nel nostro documento programmatico del comitato comunale di Cesena abbiamo elaborato inoltre una serie di proposte per interventi che riteniamo strategici, fra cui un progetto di rilancio del centro coinvolgendo le grandi imprese eccellenti della città. Il centro di Cesena rappresenta un fiore all'occhiello identitario e quindi queste imprese andrebbero coinvolte, anche sotto il profilo più operativo con modalità da studiare e definire, per avviare un processo di riqualificazione del centro storico e un percorso di qualità, che dovrebbe trovare in zona A il fulcro”.

“Fra le altre proposte spiccano l'adozione di nuove norme urbanistiche che mettano a disposizione contenitori per grandi attività; l'avvio di una campagna di fidelizzazione dei clienti del centro; l'abolizione della tassa di occupazione di suolo pubblico per esercizi pubblici e attività di artigianato alimentare e la messa in cantiere di progetti mirati per rilanciare Cesena città turistica. Quanto infine all'intervento facilitatore che il Comune intende avviare per il riempimento delle attività commerciali sfitte in centro, ogni azione coordinata in quel senso per mettere in contatto domanda e offerta, confidando anche in una calmierizzazione dei canoni in ogni modo favorita dall'andamento del mercato, pare positiva e azzeccata”, concludono Manuzzi e Placuzzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento