Confartigianato: "L'ora è tarda, la Pa saldi i debiti senza perdere tempo"

"Sono diverse le imprese cesenati in cirsi anche a causa del mancato pagamento dei lavori da parte di Comuni e enti pubblici". lo ribadisce Confartigianato che "apprezza l'iniziativa dell’Anci (Associazione dei comuni italiani)

"Sono diverse le imprese cesenati in cirsi anche a causa del mancato pagamento dei lavori da parte di Comuni e enti pubblici". lo ribadisce Confartigianato che "apprezza l'iniziativa dell’Anci (Associazione dei comuni italiani) per sbloccare i debiti della Pa verso le imprese", ma rimarca che serve una soluzione complessiva e di impatto immediato per risolvere un problema che ha messo in ginocchio le imprese italiane.

La proposta è di sfruttare l’apertura proposta dalla Commissione Europea per ‘scontare' dal calcolo del deficit pubblico il pagamento dei debiti arretrati della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese facendo subito un provvedimento che consenta agli enti pubblici di saldare i debiti.

"La soluzione – mette in luce il Gruppo di Presidenza Confartigianato formato da Alessandro Naldi, Lorenza Fantozzi, Ivano Scarpellini - deve essere semplice e di effetto immediato. In questa vicenda, le imprese stanno pagando un prezzo altissimo. Ora non c’è più tempo da perdere. L’unico modo per onorare i debiti e pagarli!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto Confartigianato Federimpresa Cesena esprime soddisfazione per l’accordo con l’Abi che ha portato alla proroga di tre mesi della moratoria dei crediti nei confronti delle piccole e medie imprese, definita nell’accordo sottoscritto il 28 febbraio del 2012, in scadenza il prossimo 31 marzo. Una misura che si è resa necessaria a fronte della permanenza di una situazione di difficoltà che richiede il mantenimento di misure di sostegno in favore delle imprese e che, oltre a certificare la volontà di proseguire sul terreno del dialogo e della collaborazione tra le imprese e il sistema bancario, rappresenta certamente un efficace strumento per dare ossigeno alle imprese stesse, soprattutto quelle del commercio, del turismo, del terziario e dell’artigianato sempre più schiacciate dal prolungarsi della crisi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento