menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato lancia l'allarme: "Appalti pubblici a passo di lumaca"

“La burocrazia è la nemica dei nostri imprenditori a tutti i livelli, da quello nazionale al locale" mette in luce il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena

Quanto tempo ancora dovremo aspettare per il New Deal della burocrazia? La domanda, rimarca Confartigianato Cesena, è d'obbligo se pensiamo che per realizzare un appalto pubblico infrastrutturale in Italia servono sette mesi in più rispetto alla media europea. A rallentare i lavori sono i numerosi passaggi burocratici che incidono per il 54,3% sui tempi complessivi per completare le opere. L’ombra pesante della burocrazia si addensa anche  sull’attuazione dei progetti del Recovery Plan di cui va garantita la sostenibilità amministrativa, secondo  Confartigianato.

“La burocrazia è la nemica dei nostri imprenditori a tutti i livelli, da quello nazionale al locale – mette in luce il Gruppo di Presidenza
Confartigianato Cesena - Una delle grandi sfide da vincere con il Recovery Plan consiste proprio nel semplificare e snellire la mole di
costosi e inutili adempimenti che pesano sulle aziende e sul Paese e nel rendere la macchina amministrativa capace di scaricare a terra il
potenziale del Piano con una efficace programmazione e gestione delle sue misure”.

“Per quanto riguarda le infrastrutture materiali, Confartigianato ha calcolato che in Italia occorrono in media 815 giorni, circa 2 anni e 3
mesi, per completare l’iter di un appalto pubblico tipo come la riasfaltatura di 20 km di una strada a doppia corsia, senza lavori
accessori né successivi all’esecuzione. Una durata, che prende le mosse dalla pubblicità del bando di gara al termine dei lavori e comprende il pagamento dell’impresa appaltatrice, che supera di 7 mesi i 605 giorni rilevati in media nell’Ue a 27 e colloca il nostro Paese al penultimo posto nell’Unione europea.I i54,3% del tempo necessario per completare l’opera pubblica è assorbito dai cosiddetti tempi di attraversamento, calcolati tra la fine di una fase e l’avvio della successiva, che non sono utilizzati per realizzare l’opera, ma vengono impegnati da procedimenti burocratici ed autorizzativi.

“Lo snellimento burocratico – prosegue il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Cesena – è una precisa richiesta di Confartigianato
Cesena anche alle amministrazioni comunali del Cesenate. Le richieste di Confartigianato sono la semplificazione normativa, l’omogenizzazione territoriale dei regolamenti e delle politiche tariffarie nonché l’estensione dello strumento della diffida amministrativa a tutti i tipi di autorizzazione, vale a dire della nuova disciplina che, in caso di violazioni prevede un avvertimento prima di passare a comminare la vera e propria sanzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento