Giovedì, 24 Giugno 2021
Economia

Confartigianato: "Andare verso la normalità con meno tasse e adempimenti"

"Le imprese - sottolinea il Gruppo di Presidenza formato da Daniela Pedduzza, Stefano Ruffilli e Marcello Grassi - vanno accompagnate nella ripresa della normalità economica con misure strutturali"

“In questa fase faticosa della ripresa del lavoro durante la seconda ondata del virus i numerosi provvedimenti d’urgenza per consentire alle imprese di affrontare gli effetti della pandemia  vanno integrati con una norma che superi il criterio dei codici Ateco, per riconoscere
ristori a tutte le imprese che hanno subito cali di fatturato significativi con riferimento temporale al semestre più aggiornato del
2020 e non più al solo mese di aprile”.

Lo rimarca Confartigianato Fderimpresa Cesena. "Le imprese - sottolinea il Gruppo di Presidenza formato da Daniela Pedduzza, Stefano Ruffilli e Marcello Grassi - vanno accompagnate nella ripresa della normalità economica con misure strutturali di riduzione della pressione fiscale e semplificazione degli adempimenti. In particolare, la riforma dell’Irpef dovrà assicurare pari trattamento a tutti i redditi da lavoro
indipendentemente dalla loro categoria reddituale. Vanno anche abrogati adempimenti divenuti ridondanti e che sottraggono liquidità alle
imprese: basta split payment, basta reverse charge, e la riduzione dall’8% al 2% della ritenuta applicata sui bonifici che danno diritto a
detrazioni d’imposta”.

"Tra gli interventi per rilanciare imprese e occupazione in una chiave di transizione green - prose il Gruppo di Presidenza - Confartigianato
sollecita la proroga triennale degli incentivi di riqualificazione energetica e recupero del patrimonio edilizio, con il prolungamento al 31 dicembre 2023 del superbonus 110%. Sul fronte delle misure per il lavoro vanno concentrati gli investimenti sulla crescita delle
competenze e del sistema di formazione professionale, incentivando il ricorso all’apprendistato, sia quello duale che quello professionalizzante, ed eliminando oneri burocratici e costi per le imprese. Per ridare slancio all’occupazione, vanno elimiati i vincoli e
delle limitazioni agli strumenti di buona flessibilità, con particolare riferimento ai contratti a termine per i quali chiede di togliere definitivamente l’obbligo di indicare la causale e il contributo addizionale previsto in occasione di ciascun rinnovo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato: "Andare verso la normalità con meno tasse e adempimenti"

CesenaToday è in caricamento