menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confagricoltura, l'assemblea di bilancio si svolgerà a porte chiuse

“Siamo in un anno del tutto particolare, anche per il nostro mondo, come sappiamo”, questo il commento del Presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini, Carlo Carli

Si svolgerà a porte chiuse, in ottemperanza al dpcm del 25 ottobre corrente mese, l’assemblea annuale di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini, nel corso della quale verranno illustrati e votati il bilancio consuntivo 2020 e preventivo 2021.

“Siamo in un anno del tutto particolare, anche per il nostro mondo, come sappiamo”, questo il commento del Presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini, Carlo Carli. “Avrei voluto che questo fosse un giorno di incontro, dialogo e anche di festa per l’Organizzazione, che nel 2019 ha festeggiato i suoi primi 100 anni e i cui appuntamenti celebrativi, come sappiamo, sono stati posticipati a causa della pandemia mondiale. Abbiamo molti temi da affrontare, innovazione e futuro in primis, ma vorremmo anche presentare pubblicamente il bel volume scritto dalla giornalista e scrittrice Letizia Magnani, dedicato ai 100 anni di Confagricoltura, nel quale emergono molti argomenti di grande attualità per tutto il territorio”.

“100 anni di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini. storia di impresa, innovazione e territorio” (Panozzo editore) racconta infatti la storia dei primi 100 anni dell’Organizzazione, che è stata fondata nel 1919 – fra le prime in Italia – a Forlì da un gruppo di proprietari terrieri che, assieme, volevamo migliorare le condizioni dell’agricoltura e della Romagna.

La presentazione del libro è rimandata a data da destinarsi, non appena le norme straordinarie varate dal Governo, per contenere la seconda ondata di contagi Covid, decadranno per lasciare spazio ad incontri in presenza.

“Ci tengo particolarmente – sottolinea ancora Carlo Carli – a poter presentare pubblicamente questo lavoro, non solo per la dignità e il rigore scientifico che dimostra e di cui ringrazio l’autrice, ma anche perché rappresenta un pezzo importante della storia dei nostri territori in un secolo, il breve Novecento, che ne abbraccia tre, dalla fine dell’Ottocento, dove hanno origine molti dei nostri valori, nel Novecento, appunto e nel secolo attuale. I problemi che sta affrontando Confagricoltura, anche nella contingenza di questi mesi complicati, sono molto simili a quelli affrontati dai dirigenti che ci hanno preceduti. L’orgoglio di essere Confagricoltura è rappresentato dal ruolo, sempre in prima linea, nella difesa delle imprese, viste come proprietà. I nostri associati sono storicamente imprenditori e come tali si muovono nel modo di agire, di pensare, di essere. In questo sta il nostro senso di appartenenza, al fianco delle imprese. Confagricoltura inoltre rappresenta più del 50% della forza lavoro delegata. Siamo quindi leader tra le associazioni di categoria datoriali. Da sempre, poi, rivendichiamo i principi della libertà e della legalità di impresa. Lo ribadiamo anche oggi, chiedendo al Governo ristori immediati per chi ha subito danni dalla situazione attuale e di non dimenticare mai l'agricoltura, che, come racconta il libro, è alla base della convivenza civile umana. Gli agricoltori infatti ogni giorno, con il loro lavoro, garantiscono cibo di qualità nelle tavole degli italiani. Questo non va mai dimenticato”.

“Può sembrare strano – afferma Letizia Magnani, autrice del libro – ma innovazione e futuro sono due delle parole più ricorrenti del libro, che ho avuto l’onore di scrivere. Una storia fatta di uomini, donne, passioni e successi. Una storia che può raccontare ancora molto, non solo dei cambiamenti della Romagna, ma anche dell’oggi, tanto più in questi giorni complicati che stiamo vivendo. Confagricoltura, a distanza di un secolo dalla sua fondazione, rivendica e rafforza ogni giorno la sua vocazione generale, per la difesa di qualunque forma di conduzione o modalità di possesso di terreni, di tipo di coltura e di allevamento. Nei processi di sviluppo tecnologico e di miglioramento della vita, le Aziende associate rappresentiamo il fiore all’occhiello del territorio, come hanno dimostrato anche in questi mesi difficili”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento