menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Concessioni demaniali, il prossimo mese debutta il disegno di legge

Entro il mese di marzo è in arrivo un disegno di legge in tema di concessioni demaniali delle spiagge. Inoltre è stata approntata una richiesta di moratoria sui canoni demaniali per le strutture colpite dall'alluvione

Entro il mese di marzo è in arrivo un disegno di legge in tema di concessioni demaniali delle spiagge. Inoltre è stata approntata una richiesta di moratoria sui canoni demaniali per le strutture colpite dall'alluvione. Nella giornata di martedì il Sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta ha risposto in Commissione Affari Costituzionali ad un’interpellanza a risposta scritta presentata dall’on. Enzo Lattuca (Pd) lo scorso mese di novembre sul tema Bolkestein e sul futuro delle concessioni demaniali.
 

Sulla tematica è tuttora in corso una trattativa in sede di Commissione Europea per allineare il nostro sistema ai principi della direttiva Bolkestein. Spiega Lattuca: “In particolare sono 6 i punti che il Governo sta discutendo, i quali rappresenteranno l’ossatura di un Disegno di legge che sarà presentato nel mese di marzo con la nomina del nuovo Ministro agli Affari Regionali. Questi i 6 punti in discussione: 1) La durata delle concessioni: che dovranno essere strettamente collegate al’interesse pubblico e proporzionata alla “rilevanza” economica dei beni e degli investimenti. 2) Le modalità di affidamento con procedure competitive di selezione che valuteranno le offerte economicamente più vantaggiose sulla base di una piano economico di copertura degli investimenti. 3) L’entità dei canoni da applicare a tutti senza differenziazione sulla base del principio del metro-quadro. 4) Una nuova demarcazione della linea demaniale attuabile solo su proposta delle Regioni. 5) Un nuovo regime di federalismo demaniale e infine 6) un regime transitorio, solo per la prima procedura di selezione, nella quale il concessionario uscente, ha diritto di corresponsione, da parte del subentrante, di un indennizzo determinato sulla base di una valutazione dei beni non integralmente ammortizzati agli investimenti effettuati all’avviamento dell’azienda commerciale”.
 

“Appena il testo sarà approvato in Consiglio dei Ministri – afferma Lattuca – il parlamento potrà intervenire con modifiche sul testo del disegno di legge e, in quel contesto, mi impegno ad incontrare gli operatori per valutarne l’esito e le eventuali modifiche”. Inoltre aggiunge Lattuca: “L’interpellanza era nata per fare chiarezza in merito ad alcune indiscrezione secondo le quali il Governo sarebbe stato intenzionato a presentare un Disegno di legge che prevede la conclusione anticipata al 2017 delle concessioni demaniali in essere e l’affidamento tramite gara senza alcun diritto d’opzione per i concessionari. Di tali scadenze il Governo non ne fa menzione, quindi è da aspettarsi che le concessioni demaniali in essere vadano a scadenza nel 2020 come stabilito dal decreto 179/2012. Poi conclude: “Sono al lavoro insieme ai parlamentari romagnoli per presentare nelle prossime ore una risoluzione in commissione bilancio per esentare dal pagamento del canone annuale gli operatori balneari colpiti dalla mareggiate dei giorni scorsi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento