Comprare casa con un mutuo è sempre più caro

A maggio 2012 il tasso medio d'interesse sui prestiti alle famiglie che vogliono acquistare un'abitazione si attesta al 4,12%, con un aumento di 103 punti base rispetto ad un anno fa

Comprare casa con un mutuo è sempre più caro: a maggio 2012 il tasso medio d'interesse sui prestiti alle famiglie che vogliono acquistare un'abitazione si attesta al 4,12%, con un aumento di 103 punti base rispetto ad un anno fa. Il dato nazionale ricalca anche quello territoriale nel Cesenate e nell'area provinciale, stando a un'indagine di Confartigianato.

“Un balzo che ci allontana dall'Europa dove in media i tassi sui mutui casa sono inferiori di 62 punti rispetto a quelli italiani _ osserva il Gruppo di Presidenza Confartigianato _. Non c'è da stupirsi quindi se le compravendite immobiliari languono: nel primo trimestre del 2102, infatti, hanno registrato un crollo del 17,8%, pari a quello verificatasi a marzo 2009.Tra giugno 2011 e giugno 2012 le imprese del settore costruzioni sono diminuite dell'1,36%. In calo dell'1,17% anche le imprese artigiane, che sono la fetta più consistente del settore edile. Effetti pesanti anche sulla produzione: -14% nei primi cinque mesi del 2012, due volte peggio rispetto all'Area euro (-6,9%). A maggio 2012 i livelli sono stati vicini ai minimi storici ed inferiori del 33,9% rispetto al massimo pre crisi.

“Le imprese del settore costruzioni - sottolinea il Gruppo di Presidenza Confartigianato di Cesena formato da Alessandro Naldi, Lorena Fantozzi e Ivano Scarpellini  – sono strette in una morsa fatta di scarso credito bancario con tassi in aumento e da tempi di pagamento sempre più lunghi. Ad aprile 2012 lo stock di prestiti alle costruzioni è in calo del 5% rispetto a giugno 2011 con le sofferenze lorde in crescita a maggio 2012 del 27,2% su base annua e più che raddoppiate rispetto a maggio 2010. E i tempi di pagamento da parte dei committenti pubblici e privati sono superiori di 42 giorni rispetto alla media europea. La situazione è drammatica. Se non si adotteranno al più presto soluzioni, tante piccole imprese anche del nostro territorio rischiano la chiusura e migliaia di lavoratori perderanno il posto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Servono interventi esterni al comparto - rimarca il Gruppo di Presidenza Confartigianato _ : dagli enti pubblici al mondo del credito. Le tecniche di costruzione tradizionali, come la classica muratura, hanno costi oggi insostenibili, soprattutto se si vuole raggiungere le classe popolari. Per abbassare i costi di costruzione si possono compiere altre azioni. Bisognerebbe avere dei terreni che costano meno e politiche urbanistiche adeguate: mi riferisco a indici e disponibilità di aree a basso costo. Ci sono beni comunali letteralmente congelati, che non producono reddito per la pubblica amministrazione, ma che se messi a disposizione possono generare riflessi positivi sull'edilizia. Sugli indici, lo strumento urbanistico dovrebbe agevolare chi fa recupero urbano, introducendo regole più semplici. Anche nel settore del credito serve innovazione. Abbisognano nuovi e mirati strumenti finanziari da mettere a disposizione dei privati che vogliono partire con recuperi.

"Da parte degli enti pubblici - prosegue il Gruppo di Presidenza Confartigianato - servirebbe un unico regolamento romagnolo: ragionando in Area Vasta per servizi e infrastrutture, lo si faccia anche per l'edilizia, dando alle aziende regole certe e uniche. Infine l'edilizia sociale può rappresentare un fattore di ripresa per il settore e ci dovrà essere una forte collaborazione tra ente pubblico e imprese per ottenere costi più bassi possibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento