Trevi in Sudamerica: al via collaborazioni con Eni e Ypf per 120 milioni di dollari

Per Eni Drillmec fornirà tre nuovi impianti con tecnologia idraulica HH-300 (Hydraulic Hoist) che verranno utilizzati dalla joint venture (PetroJunìn) formata da PDVSA (60%) ed Eni (40%) per perforazioni petrolifere a terra nel Venezuela.

Drillmec e Petreven, le società del Gruppo Trevi specializzate nella realizzazione di impianti e nei servizi per la perforazione petrolifera, si sono aggiudicate nuove commesse per un valore di circa 120 milioni di dollari da Eni e YPF. Per Eni Drillmec fornirà tre nuovi impianti con tecnologia idraulica HH-300 (Hydraulic Hoist) che verranno utilizzati dalla joint venture (PetroJunìn) formata da PDVSA (60%) ed Eni (40%) per perforazioni petrolifere a terra nel Venezuela.

Il design innovativo di questi impianti onshore garantirà una rilevante diminuzione dei costi e dei tempi di perforazione pur mantenendo i più elevati livelli di sicurezza sul mercato. Gli impianti HH verranno prodotti e testati presso gli stabilimenti Drillmec di Piacenza in Italia e di Houston, Texas per poi essere successivamente trasferiti ed installati nel giacimento di “Junin 5” situato nella Faja del Orinoco in Venezuela a 550 chilometri a sud-est di Caracas in un’area in fase di sviluppo, con una capacità di 35 miliardi di barili di olio equivalente (boe) certificati in posto.

Per YPF Petreven in Argentina, ha siglato un nuovo contratto della durata di tre anni relativo all’impianto di perforazione petrolifera Drillmec HH-102. Il contratto prevede, inoltre, l’estensione per due ulteriori anni e l’inizio delle attività di perforazione nelle prossime settimane. “L’acquisizione di questi nuovi ordini è un’ulteriore conferma del forte interesse verso i prodotti Drillmec serie HH - afferma Simone Trevisani, CEO della Drillmec -. La superiorità degl’impianti idraulici Drillmec garantirà una resa ottimale per il drilling ed allo stesso tempo permetterà una sensibile riduzione dei costi al nostro cliente. Siamo molto soddisfatti di poter prendere parte in qualità di partner tecnologico alle attività di perforazione petrolifera in Venezuela e siamo convinti che il settore Oil & Gas continuerà nel suo percorso di crescita e di maggior valore aggiunto per il Gruppo.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La divisione Petreven si affaccia al 2014 con un nuovo contratto per i servizi di perforazione petrolifera incrementando ulteriormente la propria presenza in America Latina. L’eccellenza esecutiva di Petreven, il know-how tecnologico di Drillmec e la costante attenzione al cliente continuano ad essere elementi di particolare importanza nel processo di selezione - aggiunge Cesare Trevisani, CEO della Petreven -. Rimaniamo confidente in un miglioramento operativo di questa divisione e siamo convinti che le prospettive in questo settore porteranno a futuri sviluppi per la società.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • "Creativo e perfezionista", ha portato la scarpa di San Mauro in tutto il mondo. Tanti ricordano Sergio Rossi

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Milleproroghe per turismo e commercio: gli slittamenti previsti dal provvedimento regionale

Torna su
CesenaToday è in caricamento