Pescherecci di nuovo il mare, Coldiretti e Coop Armatori contro il fermo pesca: "E' obsoleto"

Va in archivio, dunque, l’ennesimo ‘fermo pesca’, una misura inaugurata esattamente 30 anni fa e ritenuta da Coldiretti Impresa Pesca “ormai superata e inadeguata"

Dopo 43 giorni di stop ‘forzato’ i pescherecci della Riviera romagnola sono tornati in mare per rifornire i mercati, la filiera e la ristorazione di pesce fresco. Va in archivio, dunque, l’ennesimo ‘fermo pesca’, una misura inaugurata esattamente 30 anni fa e ritenuta da Coldiretti Impresa Pesca “ormai superata e inadeguata, non solo perché bloccando l’attività delle flotte locali aumenta il rischio di ritrovarsi nel piatto, soprattutto al ristorante, prodotto straniero o congelato – quindi meno sicuro dal punto di vista sanitario - ma anche perché non tiene conto del fatto che solo alcune specie ittiche si riproducono in questo periodo, mentre per la maggior parte delle altre si verifica in date differenti durante il resto dell’anno”.

Con il fermo pesca nell’alto Adriatico, infatti, il pesce in commercio o proviene dall’estero, o è congelato, oppure – e queste sono le opzioni che garantiscono maggiormente i consumatori – proviene dalle altre zone d’Italia dove non è in atto il blocco, dagli allevamenti nazionali o dalla seppur limitata produzione locale dovuta alle barche delle piccola pesca che possono ugualmente operare. "Al fine di tutelare le flotte locali e il pescato a km zero tanto richiesto dai consumatori – afferma Coldiretti Forlì-Cesena – sarebbe opportuno rivedere il provvedimento, iniziando magari a differenziare il blocco delle attività a seconda delle caratteristiche delle specie, facendo attenzione ai periodi di deposizione delle uova, e consentendo alle imprese ittiche di scegliere ciascuna quando fermarsi in un periodo compreso tra l’1 luglio e il 30 ottobre".

Una proposta, quella di Coldiretti, che trova d’accordo Fabio Lacchini, presidente della Cooperativa Armatori della Pesca di Cesenatico: "In questi anni in cui il fermo pesca è stato in vigore il mare è cambiato e con esso le imbarcazioni, ma non abbiamo visto aumentare il pesce, né in quantità, né di taglia, e questo non fa che confermare la necessità di mettere mano ad un provvedimento a nostro avviso obsoleto”. Il presidente della Coop Pescatori di Cesenatico riconosce al fermo pesca “un’efficacia limitata solo ad alcune tipologie di pesce, ma non certo al nostro pesce azzurro che depone le uova in periodi non coperti dal blocco". In un Paese come l’Italia che importa durante l’anno più di 2 pesci su 3, i pescatori ritengono "sì necessario il fermo, ma solo se fatto nei giusti modi e tempi, perché solo così si potrà garantire al consumatori di effettuare acquisti di qualità al giusto prezzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Detto questo, il suggerimento di Coldiretti Impresa Pesca è di verificare sempre sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere l’area di pesca (Gsa). Le provenienze da preferire sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta). Ma è possibile anche rivolgersi alle esperienze di filiera corta per la vendita diretta del pescato che Coldiretti Impresa pesca ha avviato presso la rete di Campagna Amica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento