menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rigenerazione urbana e case "green": Cna ne parla in un incontro pubblico

"Tre anni fa - afferma Claudio Bellini, presidente di Cna Costruzioni Forlì-Cesena - ha iniziato un percorso di sperimentazione e di sensibilizzazione in materia di rigenerazione urbana"

Cna Forlì-Cesena organizza sabato alla Biblioteca Malatestiana di Cesena, con inizio alle ore 9.30, un incontro pubblico sul tema delle Passivhaus, ossia degli edifici ad energia quasi zero. "Tre anni fa - afferma Claudio Bellini, presidente di Cna Costruzioni Forlì-Cesena - ha iniziato un percorso di sperimentazione e di sensibilizzazione in materia di rigenerazione urbana, partendo dalle seguenti motivazioni: il 60% degli edifici abitativi, è stato costruito tra il 1945 e il 1980 e risulta obsoleto, sia sotto il profilo energetico, sia per quanto concerne le emissioni inquinanti e la sicurezza antisismica. In parallelo, si è realizzato un vero e proprio Protocollo, sottoscritto da tutti i comuni della nostra provincia, in base al quale gli enti pubblici (i Comuni, in primo luogo) si impegnano a svolgere un ruolo guida nel definire gli interventi di riqualificazione urbana ed efficientamento energetico, modificando strumenti urbanistici e regolamenti".

"Successivamente, nel comune di Cesena - continua Bellini - si è realizzata la “Fiorita Passive House”, prima multiresidenza in Italia costruita in legno e certificata passivhaus. Voglio ricordare, che può riscaldarsi utilizzando il sole, il calore prodotto dal corpo umano e dagli elettrodomestici, senza necessitare di un impianto di riscaldamento tradizionale". "L’intervento oggetto dell’incontro di sabato - precisa il progettista, architetto Stefano Piraccini - è particolarmente innovativo in quanto l’applicazione su un aggregato edilizio esistente, è il primo in Italia e fra i primi al mondo. Il progetto dimostra come sia possibile raggiungere le prestazioni energetiche di una passivhaus, non solo in nuove costruzioni isolate, tipologia che rappresenta la quasi totalità delle passivhaus costruite ad oggi ma anche in aggregati urbani dell’edilizia storica, con un costo di costruzione mantenuto ai livelli di mercato”.

Un tale edificio non sarà allacciato alla rete gas e verrà dotato del solo impianto di ventilazione meccanica controllata; non utilizzando fonti energetiche combustibili, l’edificio avrà zero emissioni in atmosfera. All’appuntamento interverranno: il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi; il presidente di CNA Cesena Val Savio, Sandro Siboni; il direttore generale di Cna Forlì-Cesena, Franco Napolitano; l’architetto Stefano Piraccini, Emanuela Antoniacci, dirigente settore urbanistica di cesena, Paolo Marcelli, presidente dell’ordine degli architetti; Lia Montalti, consigliere Regione Emilia Romagna e Francesco Nesi, direttore di Zephir (Passivhaus Italia).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento