Cna pensionati chiede certezza per lo sblocco della rivalutazione delle pensioni

"Esprimiamo piena soddisfazione - afferma Paola Fava, segretaria di CNA Pensionati Forlì-Cesena - per quanto anticipato dalla Direzione centrale dell'INPS"

È noto che la Riforma sulle Pensioni del 2012 aveva bloccato, per gli anni 2012 e 2013, la rivalutazione delle pensioni, prevedendola solo sugli importi di pensioni non superiori a 1.217 euro netti.  Di tale previsione normativa è stata investita la Corte costituzionale, che ha giudicato incostituzionale tale blocco di rivalutazione automatica (sentenza n. 70/2015, depositata il 30 aprile 2015).

In sostanza, la Corte ha ritenuto incostituzionale bloccare il meccanismo che adegua le pensioni al costo della vita. CNA Pensionati, mentre accoglie con favore quanto previsto dalla sentenza, nella consapevolezza che occorra rispettare il principio dell’equilibrio di bilancio e di finanza pubblica, giudica che sugli importi previsti di rivalutazione in base alle fasce di reddito si potevano corrispondere percentuali più alte. Continua quindi la pressione verso gli enti competenti, con l’auspicio che il decreto venga meglio chiarito e modificato nella fase della conversione in legge.

“Esprimiamo piena soddisfazione – afferma Paola Fava, segretaria di CNA Pensionati Forlì-Cesena – per quanto anticipato dalla Direzione centrale dell’INPS, che ha previsto un meccanismo di rimborso automatico. Il pensionato non dovrà richiedere una ricostituzione della sua pensione, perché il pagamento verrà erogato automaticamente in agosto. CNA Pensionati, pertanto, invita i propri soci a non sottoscrivere domande o ricorsi, che in questa fase rischiano di generare solo confusione e false illusioni, risultando peraltro inefficaci. CNA Pensionati e CNA EPASA si adopereranno per fornire tutto il supporto possibile ai pensionati, che in questi anni sono stati utilizzati fin troppo come un vero e proprio bancomat in funzione dei problemi economici dello Stato”.

“Rispetto a quest’ultimo atto – continua Fava – siamo sempre più convinti che la riforma della legge Fornero debba essere prontamente modificata, auspicando il superamento delle attuali regole che riteniamo troppo rigide. Vanno introdotte norme di maggiore flessibilità per facilitare il pensionamento, senza però che nessuna delle ipotesi allo studio sul ricalcolo contributivo delle pensioni esistenti, né oggi né domani, vada a toccare le pensioni più basse, già troppe volte prese di mira per far cassa in caso di crisi dei conti pubblici. Noi, comunque, vogliamo rassicurare tutti i pensionati che continueremo a stare vigili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento