menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cna balneatori chiede una proposta di legge alla regione per tutelare le imprese esistenti

Oltre 3.000 operatori turistici sostengono le proposte di legge che Cna Balneatori, insieme ad un pool di avvocati, ha elaborato

Continua il percorso intrapreso da Cna Balneatori sia a livello nazionale, sia a livello locale, a tutela delle imprese balneari, di fronte all’incertezza normativa che non viene risolta. Oltre 3.000 operatori turistici sostengono le proposte di legge che Cna Balneatori, insieme ad un pool di avvocati, ha elaborato. Ora Cna Balneatori inizierà un confronto con le regioni interessate. L’incertezza nasce dalla famosa “Direttiva Bolkestein”, recepita dall'Italia nel 2010, che prevede il “libero mercato dei servizi”. Da qui vengono messe in discussione le concessioni demaniali su cui si fonda il lavoro delle imprese balneari, aggravata dall’idea che le coste del nostro Paese sia un bene “limitato”.

"Al di là del fatto, che dal 2010 ad oggi è ora che si stabiliscano le “regole del gioco”, mentre siamo ancora di fronte ad un totale stato di incertezza, la proposta di legge Cna inviata alla regione, continua a sostenere due principi fondamentali: il “legittimo affidamento” ed il “principio del doppio binario” - afferma Stefano Rossi, responsabile Cna Balneatori Forlì-Cesena -. In sostanza, si ribadisce come le imprese che già operano sulla spiaggia in concessione, abbiano fatto investimenti, per creare e valorizzare la propria attività, in ragione di un affidamento concessionario continuativo e legittimo. A partire da questo, si sostiene che possano essere messe a bando pubblico sole le concessioni di nuove aree.

“Infatti da una nostra indagine risulta – sottolinea Rossi - che il 60% della costa italiana è ancora libero da concessioni. Significa che la limitatezza del territorio, sostenuta nei principi delle sentenze in favore dell’applicazione della Bolkestein, è ancora lontana da venire. Per questo continuiamo a sostenere che le regioni devono fare un censimento delle aree libere. Dopo aver incontrato l’Unione europea e i rappresentanti del governo, stiamo sottoponendo la nostra proposta di legge a tutte le regioni, in modo che si possa creare un ampio consenso per avere un viatico condiviso e veloce".

"La nostra azione - prosegue Rossi - gode del vantaggio di portare gli interessi delle imprese di tutto il territorio italiano. Siamo consapevoli che la vicenda è andata troppo per le lunghe e che occorre decisamente e velocemente imboccare la strada della risoluzione di un problema che mette a rischio la sopravvivenza di uno dei settori trainanti della nostra economia. Chiunque voglia approfondire queste posizioni, può rivolgersi a noi presso i nostri uffici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento