Venerdì, 12 Luglio 2024
Economia Cesenatico

Cesenatico sfora il patto di stabilità e Drudi (Pd) va all'attacco

Il Comune di Cesenatico erogherà 7,3 milioni di euro. Una cifra che determinerà uno sforamento del patto di stabilità di 3,2 milioni di euro. Drudi: "Amministrazione Buda responsabile delle conseguenze"

Il Comune di Cesenatico valica lo steccato contabile più temuto, decidendo di rispettare i termini di pagamento alle imprese appaltatrici a cui erogherà 7,3 milioni di euro. Una cifra che determinerà uno sforamento del patto di stabilità di 3,2 milioni di euro. Si tratta di lavori appaltati e realizzati nel 2009, 2010 prima che subentrasse l'amministrazione Buda e parte del 2011. Investimenti ingenti che vedono nella lunga lista dei pagamenti - oltre 300 voci - la realizzazione di cinque maxi opere.

Rrestyling Vena Mazzarini, adeguamento dei cimiteri comunali, realizzazione del lungomare di Ponente e di Valverde e ristrutturazione dell’Antico Lavatorio, tutte opere che si aggirano sul milione di euro. “Le altre voci interessano le piccole imprese, circa il 90% della lista – spiega l’assessore al bilancio, Lina Amormino – visto il periodo di crisi, abbiamo deciso di dare ossigeno al nostro tessuto economico, scegliendo di sforare il patto di stabilità. Abbiamo scelto di privilegiare il pagamento delle imprese, ma ci tengo a sottolineare che, se fosse stato per la spesa corrente, le assunzioni e i mutui, quel patto non l’avremmo sforato”.

E ora quali saranno le sanzioni alle quali il Comune andrà incontro? “Per il 2013 l’amministrazione non potrà assumere nuovo personale, non potrà contrarre mutui e verranno tagliati del 30% gli indennizzi a sindaco, assessori e consiglieri comunali – continua l’assessore Amormino – Tutto questo succederà se il Governo risponderà in modo negativo all’Associazione Nazionale dei Comuni (Anci) che chiede di allentare i vincoli del patto di stabilità proprio per permettere il pagamento delle imprese di lavori già finanziati e con fondi già acquisiti ai bilanci degli Enti”.

“La mancanza di condizioni per poter procedere alle alienazioni immobiliari programmate per il 2012 (Atlantica ed altri immobili) nonché il crollo degli introiti per concessioni edilizie conseguenti alla crisi del mercato immobiliare – continua l’assessore - non ha permesso al Comune di acquisire nuove risorse per lavori futuri che, in termini di cassa, avrebbero compensato nel calcolo del patto il pagamento di lavori finanziati in anni precedenti. Inoltre va precisato che l’importo dei pagamenti, che ha provocato il superamento dell’obiettivo 2012, era comunque finanziato dal fondo di cassa, essendo tali opere finanziate con entrate già acquisite”.

Ma c’è una buona notizia: “La Giunta Buda, in un anno e mezzo di legislatura, ha ridotto l’indebitamento – continua l’assessore al bilancio – infatti dal debito di 53 milioni 829mila del 2011, siamo passati a 49 milioni e 939mila, quindi in un anno e mezzo è diminuito di circa 5 milioni. Infine il rapporto debito entrate ha visto un miglioramento del 15%”.

Non manca la reazione dai banchi dell'opposizione. Mario Drudi del Pd ha scritto su facebook una nota a riguardo. "Ho trovato stupefacente leggere sulla stampa, che l'Assessore al bilancio quasi si vanti che il Comune di Cesenatico Nel 2012 abbia sforato il patto di stabilità. Da un lato L'Assessore si prende il merito di avere deciso pagare già da aprile 2012 le imprese creditrici del Comune (che voglia accattivarsi il loro favore? Chissà.. ) e comtemporaneamente prova ad attribuire la colpa dello sforamento del patto alle precedenti Amministrazioni".

"Lo sappiamo - aggiunge - i vincoli del patto di stabilità sono sempre stati e sono anche oggi pesanti e andrebbero rivisti. Un conto però è chiederne la revisione restando nei limiti da esso previsti e un conto è, come avvenuto, sforaralo e subire le probabili sanzioni previste dalla normativa. Avere deciso già marzo 2012 di pagare tutti i creditori del Comune senza comunicarlo alla città, non avere fatto le alienazioni patrimoniali previste (Atlantica, Area ex acquedotto, etc.) la cui realizzazione avrebbe migliorato i saldi ai fini del patto, hanno nell'Amministrazione Buda l'unico responsabile, altro che storie.
Andiamo signora Assessore, sono quasi due anni che governate in modo discutibile Cesenatico, quanto tempo dobbiamo attendere ancora perchè almeno vi prendiate la responsabilità di ciò che fate?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesenatico sfora il patto di stabilità e Drudi (Pd) va all'attacco
CesenaToday è in caricamento