Ripresa economica: da Cesenatico la ricetta del presidente nazionale di Confcommercio Sangalli

Il convegno ha mixato economia, spettacolo e romagnolità, con la presenza di ospiti illustri come Raoul e Mirko Casadei, che hanno cercato di far cantare "Romagna mia" al presidente nazionale Sangalli

Foto di Alessandra Salieri

Erano oltre 900 i partecipanti al convegno promosso dalla Unione provinciale della Confcommercio di Forlì-Cesena (3500 imprese associate in trenta Comuni) sull'economia in Romagna che si è svolto giovedì pomeriggio al Grand Hotel da Vinci alla presenza del presidente nazionale Carlo Sangalli, per la prima volta nel territorio cesenate. Il convegno ha mixato economia, spettacolo e romagnolità, con la presenza di ospiti illustri come Raoul e Mirko Casadei, che hanno cercato di far cantare "Romagna mia" al presidente nazionale Sangalli.

VIDEO: SANGALLI: "INGRANARE LA MARCIA" - LA SITUAZIONE ECONOMICA: "C'E' UN FILO DI LUCE"

Ad accogliere il presidente nazionale di Confcommercio vi erano tra gli altri il presidente dell'Unione Confcommercio di Forlì-Cesena, Corrado Augusto Patrignani; il sottosegretario Sandro Gozi; i parlamentari locali Mara Valdinosi e Marco Di Maio; il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli; il primo cittadino di Cesena Paolo Lucchi; il presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì Roberto Pinza; e il vicepresidente dell'Unione provinciale Confcommercio, Roberto Vignatelli. Dopo l'applaudito di Patrignani, è stato il presidente di Confcommercio nazionale a impossessarsi della scena con la consueta abilità dialettica unita al pathos comunicativo.

"La crescita dell'1,5% del 2017 - ha detto Sangalli - ha subito a inizio anno segnali di rallentamento dell'economia e della produzione industriale. Servono due certezze: eliminare le clausole di salvaguardia 2019 e non aumentare l'Iva, abbassare le tasse per raggiungere il 2 che consente a famiglie di consumare di più e a imprese di investire. Per ingranare le marce, occorre che la frizione funzioni. La prima marcia è la semplificazione con l'alleggerimento della burocrazia che costa 8000 euro ai impresa".

"Poi va innescata la prima con la diminuzione della pressione fiscale anche a livello locale con la local tax su tutti gli immobili e totalmente deducibile per gli immobili strumentali d'impresa - ha aggiunto -. Seconda marcia: infrastrutture, terza la legalità. Per ingranare la quarta serve un investimento sul futuro puntando  su un turismo che destagionalizzi e diverisichi e il talento delle persone al cui servizio, e non il contrario, deve porsi la tecnologia" Applausi per Sangalli e Raoul Casadei, che gli si è rivolto dicendo: "Carlo, hai una grinta della Madonna".

Antonio Nannini, segretario generale della Camera di Commercio di Romagna, ha tratteggiato lo stato dell'economia territoriale in lieve ripresa, mentre  Bruno Piraccini ha portato la testimonianza di Orogel. L'incontro è stato moderato dal giornalista di La7, Frediano Finuccici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento