Economia Cesenatico

Cesenatico, Imu sulle piattaforme: Eni versa al Comune 2,5 milioni di euro

Il 31 ottobre appena passato, a seguito degli accertamenti emessi dal Comune di Cesenatico per l'ICI delle annualità 2010-2011 - Eni ha versato a titolo di deposito una quota di oltre 2,5 milioni di euro nelle casse del Comune

Il 31 ottobre appena passato, a seguito degli accertamenti emessi dal Comune di Cesenatico per l’ICI delle annualità 2010-2011 – Eni ha versato a titolo di deposito una quota di oltre 2,5 milioni di euro nelle casse del Comune. “A seguito della sentenza positiva della Cassazione sul caso Termoli, un’altra notizia positiva per la città di Cesenatico. Lo scorso 12 ottobre il Comune di Cesenatico aveva inviato una diffida ad Eni, evidenziando che il mancato pagamento entro i termini avrebbe attivato l’ingiunzione fiscale da parte dell’Ente” dice soddisfatto il sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli.

“Questo è avvenuto poiché Eni non ha fatto richiesta alla competente commissione tributaria della sospensiva di pagamento. È evidente che la mancata richiesta di sospensiva da parte della società, allungherà i tempi del contenzioso, almeno in questa prima fase. Nonostante le polemiche e le difficoltà di bilancio, la nuova amministrazione non ha rinunciato alle somme di ICI e IMU dalle piattaforme, aumentando il fondo di svalutazione come richiesto dal Collegio dei revisori dei conti nella manovra di salvaguardia degli equilibri di bilancio del 1 agosto scorso e accelerando le procedure per la riscossione” continua il primo cittadino.

In merito alla notizia il Collegio dei revisori si è già pronunciato, “sottolineando che trattandosi di un incasso dovuto al ricorso, non contenente la richiesta di sospensiva alla Commissione Tributaria Provinciale dell’esazione del tributo, nella previsione di tre gradi di giudizio,  ritiene che il versamento di tali somme da parte di Eni, debba andare a costituire uno specifico accantonamento del risultato di amministrazione 2016 in attesa del giudizio di primo grado”.

“Si tratta di una notizia molto positiva – afferma il Sindaco – ringrazio il dirigente del settore e gli uffici per il lavoro svolto – in attesa della prima udienza (ancora da fissare) presso la Commissione Tributaria provinciale, Eni ha erogato una prima tranche delle somme messe a bilancio per il 2016. Tuttavia va precisato che tali somme non potranno essere impegnate dal nostro comune fino a quando non ci sarà la sentenza definitiva”.

In caso di una sentenza che vedesse l’amministrazione comunale soccombere, infatti, sarebbe imposta l’immediata restituzione del versamento eseguito.

A precisare la situazione è l’assessore al bilancio Roberto Amaducci: “Accogliamo con grande favore il deposito effettuato da Eni nei giorni scorsi. Tuttavia per il bilancio 2016 cambia poco; siamo ancora in attesa che la Commissione tributaria provinciale fissi la prima udienza che verosimilmente non avverrà prima della primavera prossima. La scelta dell’amministrazione è quella di procedere con grande cautela, l’obiettivo è quello di non esporre l’Ente a risarcimenti milionari.”

Nel frattempo il Comune di Cesenatico sta selezionando uno studio legale che possa affiancare gli uffici in sede di contenzioso tributario

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesenatico, Imu sulle piattaforme: Eni versa al Comune 2,5 milioni di euro

CesenaToday è in caricamento