Venerdì c'è OrtoMac, la convention sull'ortofrutta

Venerdì al Centro Congressi di Cesena Fiera, si tiene l’edizione 2012 di OrtoMac, che è stata articolata in due “sezioni”

Venerdì al Centro Congressi di Cesena Fiera, si tiene l’edizione 2012 di OrtoMac, che è stata articolata in due “sezioni”: mattina “Innovazioni per una orticoltura di qualità”, pomeriggio “Orticoltura biologica”. OrtoMac è l’incontro-Convention che si tiene mesi prima di MacFrut (NB Macfrut, quest’anno, sarà a Cesena dal 26 al 28 settembre) per focalizzare le problematiche su questo importante comparto.

L’orticoltura ha un forte rilievo nell’economia italiana, con circa 6 milioni di Euro di Produzione lorda vendibile e si pensi ai soli volumi dei pomodori prodotti nel Belpaese (da consumo e industria circa 60 milioni di tonnellate) e alle patate (!,5 milioni di tonnellate), per  comprendere come sia necessario produrre bene ed essere sempre più aderenti alle esigenze del mercato.

Proprio per questo l’innovazione è il file rouge che collega relazioni e sessioni di OrtoMac 2012, dove verranno illustrate sperimentazioni e risultati ottenuti nelle regioni italiane più rilevanti per il comparto. Già nella sessione mattutina si parlerà dell’importanza del miglioramento genetico (relazione di Falavigna, del CRA di Montaso Lombardo) per un incremento della resistenza ai patogeni (malattie). Un argomento che significa anche reddito dell’agricoltore. Perché se malattie e parassiti intaccano una coltura, il coltivatore deve o raccogliere meno oppure intervenire con agro farmaci ed in entrambi i casi il compenso diminuisce. Non solo, ma a volte l’uso di agro farmaci mette a rischio l’uomo e l’ambiente. Di qui lo strumento genetico che, sommato agli agro farmaci, può essere una via per avere produzioni resistenti e, soprattutto, sane e di qualità, capaci di incontrare il gusto del consumatore. Oggi gli strumenti genomici consentono di render più sicuro il processo, selezionando il materiale genetico e produrre, ad esempio, un pomodoro saporito e meno sensibile ai patogeni.

Ma anche l’occhio vuole la sua parte e il packaging acquista un ruolo, come si apprenderà dall’intervento di Cattaneo e Rizzolo del CRA Unità di ricerca di Milano. Verranno esaminate le soluzioni più innovative degli ultimi 5 anni con attenzione anche alla funzione di conservabilità, presentando soluzioni sperimentali e considerando allo stesso tempo anche “come” il prodotto passa dal campo alla tavola. Ad OrtoMac 2012 si parlerà, inoltre, dello sviluppo tecnologico delle colture in serra e verrà affrontato il problema del risparmio idrico (Anconelli - Canale Emiliano Romagnolo), questione che si è acuita per il recente periodo siccitoso, ma soprattutto per l’andamento climatico degli ultimi anni, in cui le precipitazioni non hanno favorito le coltivazioni (temporali e grandinate, periodi secchi, difficoltà di “recupero” per le falde acquifere, ecc). Verrà illustrato come ridurre l’evaporazione o la deriva da vento durante l’erogazione tramite “rotoloni”, oppure l’uso della fertirrigazione con azoto per la patata (sempre con rotoloni). E se l’irrigazione a goccia è ormai un “classico” (dove possibile), sta diffondendosi il metodo di irrigare solo metà radice che porta ad una minor traspirazione della pianta e, quindi, minor bisogno idrico.

Una relazione che stupirà e intrigherà è quella di Castellari e Sgarbi ricercatrici di Astra, sulla valutazione sensoriale quale strumento per la scelta varietale. La valutazione sensoriale (ormai famosa nel vino) si affaccia nel settore orticolo mettendo al servizio degli ortaggi i sensi dell’uomo (in questo caso esperti) per valutare quale varietà e cultivar sia la più gradita al consumatore, ad esempio, per la patata l’analisi sensoriale può indirizzare a come usare le varietà (destinazione culinaria). Già, perché la valutazione sensoriale consente la formulazione di un giudizio descrittivo ed edonistico, e il giudizio organolettico diventa utile nei progetti di miglioramento genetico.

Nel pomeriggio, OrtoMac sarà dedicato al Biologico, e sarà l’occasione per la presentazione del Progetto Ort.Bio (Bertazzoli Polo di Cesena UniBo), che, con il coordinamento del Polo di Cesena dell’Università di Bologna, è cofinanziato dal Ministero delle Politiche Agricole ed ha come partner CRA di Monsampaolo, CRPV, Prober e Università di Perugia, interessando Emilia Romagna, Marche ed Abruzzo. L’obiettivo del Progetto è l’individuazione di sistemi innovativi di commercializzazione per l’orticoltura bio e per questo sono sotto sperimentazione 7 imprese delle tre Regioni. Inoltre si sta occupando di riduzione dell’impiego di energie fossili e dell’uso di quelle rinnovabili, oltre che della conservazione di agroecosisitemi e biodiversità.

L’incontro pomeridiano riveste un particolare interesse, in quanto l’innovazione varietale nel Biologico ha bisogno di essere meglio conosciuta e, soprattutto, occorre stimolare le imprese a preparare cultivar e varietà specifiche. Non mancheranno relazioni che, oltre a confrontare esperienze e tecniche, valuteranno anche strategie commerciali. Non a caso Tisselli (CRPV) partirà nella sua relazione da un dato: il consumatore vuole un prodotto bello, oltre che buono. Di qui occorre partire per considerare le due azioni di controllo delle malerbe e di innovazione varietale nel Biologico. Però c’è la necessità di non fare una semplice trasposizione di cultivar dal convenzionale al Bio, occorre innovare, magari “rivisitando” le medesime cultivar, verificandone i risultati e trovare quelle più adatte alla coltivazione Biologica, con risultati produttivi che soddisfino il consumatore e i suoi gusti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PROGRAMMA
SALA  VERDE ore 9:30-12:30

INNOVAZIONI PER UNA ORTICOLTURA DI QUALITA’
Saluto Autorità
 “Miglioramento genetico per indurre resistenza a patogeni” – Agostino Falavigna, Giuseppe Rotino, CRA Unità di Ricerca per l’Orticoltura Montanaso Lombardo (LO);
“Innovazione in campo agronomico: l’utilizzo dei portainnesti per il miglioramento qualitativo del pomodoro da mensa” – Franco Tosini, Centro Sperimentale Ortofloricolo “Po di Tramontana” – Veneto Agricoltura (Rovigo);
“Il packaging in orticoltura: soluzioni controllate in grado di migliorare l’offerta nel rispetto della qualità” – Tiziana Cattaneo, Anna Rizzolo, CRA – Unità di Ricerca per i processi dell’industria Agroalimentare (MI);
“Sviluppo tecnologico delle colture di serra e qualità delle produzioni ortive” – Alberto Pardossi, Dipartimento di Biologia delle Piante Agrarie Università di Pisa;
“Tecnica irrigua indirizzata al risparmio idrico” – Stefano Anconelli, Canale Emiliano Romagnolo;
“Valutazione sensoriale quale strumento per la scelta varietale” – Loredana Castellari, Paola Sgarbi, Astra Innovazione e Sviluppo.
Interventi

SALA VERDE ore 14:30 – 17

ORTICOLTURA BIOLOGICA
 “Presentazione del Progetto Ort.Bio” – Aldo Bertazzoli, Polo SD di Cesena, Università di Bologna;
“L’esperienza operativa delle imprese: la conduzione aziendale e le tecniche di produzione per la vendita diretta” – Titolare azienda agricola e Agnese Franceschi, PRO.B.ER;
“Risultati della sperimentazione varietale per le specie orticole coltivate secondo metodi di agricoltura biologica” – Vanni Tisselli, CRPV;
“Una nuova tecnica conservativa per il contenimento delle malerbe e la riduzione dei consumi energetici nelle aziende orticole” – Fabrizio Leteo, CRA – Unità di Ricerca per l’Orticoltura – Monsampaolo sul Tronto (AP);
“Strategie organizzative e commerciali per le orticole a filiera corta” – Massimo Chiorri, Dipartimento Scienze Economico-Estimative e degli Alimenti, Università di Perugia.
Interventi
Conclusioni – Alvaro Crociani, CRPV

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento