Cesena Calcio, Lugaresi: "Abbiamo due banche"

Ma dopo la "tavola rotonda" di oggi, lunedì ci si aspetta che altri interessati si facciano sentire a breve. Intanto per domani è previsto una riunione della newco. Presenti Fabio Fabbri, Augusto Balestra e Giorgio Serra di Orienta Partners

Come è andata? “Benino”, allora tutto a posto? “Non ancora”. E' uno dei primi messaggi trapelati. Dopo due ore di colloquio a palazzo Albornoz sono uscite delle facce fiduciose. Un ostacolo al tentativo di coinvolgere la creme dell'imprenditoria locale nel risanamento dei conti dell'Ac Cesena è stato lo scarso preavviso dell'invito spedito solo sabato. Ma dopo la “tavola rotonda” di oggi, lunedì ci si aspetta che altri interessati si facciano sentire a breve. Intanto per domani è previsto una riunione della newco per fare il punto della situazione.

Il Cesena era rappresentato dal suo Cda mentre Luca Mancini ha delegato il proprio avvocato; hanno sfilato sotto il loggiato per entrare in Comune, il presidente della Provincia Massimo Bulbi, Graziano Pransani, Lorenzo Lelli, Marino Vernocchi. Fabio Fabbri, Augusto Balestra e Giorgio Serra di Orienta Partners; Oliviero Santerini, Claudio Manuzzi. Presenti anche Giorgio Lugaresi, Angelo Pagliacci per Pubblisole.

“C'è gente che vuole ancora bene al Cesena – ha detto Graziano Prensani -. Quello di oggi è stato un segnale abbastanza forte, in più qualcuno ha chiamato per rendersi conto della situazione e sicuramente c'è chi vorrà salire sul carro”.

Il presidente della Provincia Massimo Bulbi, uno dei mittenti dell'appello insieme al sindaco Paolo Lucchi è uscito di fretta. Ha rilasciato solo una dichiarazione iù che altro scaramantica: “Non parlo, quando tre anni fa andò bene non avevo parlato”. Poi è il tempo di Giorgio Lugaresi che ha trovato tempo per rispondere alle domande dei cronisti. “Ho trovato grande attenzione, sorpresa  e meraviglia perchè si aspettavano che le cose andassero meglio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quasi tutti – ha aggiunto - hanno detto che una mano la vogliono dare, ma prima si devono confrontare con il cda. Il termine ultimo per il pagamento di duemilioni e 400mila euro è il 18 febbraio, ma abbiamo parlato anche del piano industriale. Ho raccontato come vedo il proseguo del percorso e hanno capito. Al momento abbiamo la disponibilità di due banche. Se sono ottimista? Lo sarò dopo che avremo pagato gli stipendi – ha detto con un sorriso -  è già un miracolo che ci fosse chi c'era, un bel segnale che ci siano state persone che non conoscevo. Ad alcuni dei presenti sono giunti messaggi di altri imprenditori che chiedevano aggiornamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento