Tutto nacque da 12 allevatori: la Centrale del latte di Cesena compie 58 anni

Fra pochi giorni, dunque, saranno 58 le candeline sulla torta della cooperativa di Martorano rimasta l’unica realtà lattiero-casearia autonoma dell’intera Emilia Romagna

La Centrale del latte di Cesena va verso i 60 anni: era il 31 luglio 1959 quando 12 allevatori di Cesena e Cesenatico fondarono il “Consorzio produttori latte”, il primo nucleo di una storia imprenditoriale di successo. Fra pochi giorni, dunque, saranno 58 le candeline sulla torta della cooperativa di Martorano rimasta l’unica realtà lattiero-casearia autonoma dell’intera Emilia Romagna. Un’azienda che raccoglie solo latte romagnolo dalle stalle dei propri soci, non associata ad alcun colosso di settore e che riesce ancora a sostenersi con le proprie forze e a guardare al futuro con moderato ottimismo; tutto questo grazie al legame con il territorio e con i suoi affezionati consumatori che apprezzano la qualità e la provenienza a Km zero dei prodotti. 

Dal punto di vista logistico, invece, c’è stato l’ampliamento dell’area di produzione, reso possibile dall’aumento delle vendite dei prodotti caseari. “Credere nella qualità è più costoso, ma i consumatori continuano a premiare la nostra scelta di utilizzare solo latte romagnolo con dichiarazione di provenienza giornaliera”, spiegano Daniele Bazzocchi e Renzo Bagnolini, direttore e presidente della Centrale del latte di Cesena. La tracciabilità infatti è uno dei fiori all'occhiello dell'azienda che ben prima dell'obbligo imposto da un recente decreto (è entrato in vigore solo a primavera), ha messo a disposizione dei consumatori la possibilità di risalire alla stalla di provenienza del latte grazie all’etichetta e a pochi click sul sito internet aziendale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento